Cortina 2021, formalizzata la candidatura. Ecco il dossier: dal sogno aeroporto alle piste hi tech

Cortina 2021, formalizzata la candidatura. Ecco il dossier: dal sogno aeroporto alle piste hi tech

Il presidente Donadon: “I Mondiali per noi sono un evento sportivo di altissimo livello, un’opportunità per sviluppare l’intera l’area sciistica, un’occasione di rinnovamento del territorio e una grande occasione per i conquistare la credibilità internazionale che nel tempo si è un po’ persa”.

Gremita la sala cultura per assistere alla presentazione di Cortina 2021. Il presidente della Fondazione, Riccardo Donadon, con l’amministratore delegato Paolo Nicoletti, Flavio Roda, Alberto Ghezze e Alberto Piccina (della Federazione italiana degli sport invernali) con a fianco tutto il team della Fondazione hanno presentato il progetto di candidatura. «Noi abbiamo accettato questa sfida con umiltà», ha esordito Donadon, «perché riteniamo sia importante sfruttare questa grande opportunità. I Mondiali per noi sono un evento sportivo di altissimo livello, un’opportunità per sviluppare l’intera l’area sciistica, un’occasione di rinnovamento del territorio e una grande occasione per i conquistare la credibilità internazionale che nel tempo si è un po’ persa. Dobbiamo far vedere al mondo che siamo all’altezza di un evento del genere». Sport, innovazione, made in Italy, legati alla tecnologia, alla sostenibilità ambientale, alla consapevolezza della storia del paese, all’orgoglio di appartenere a questa Italia saranno il filo conduttore della presentazione di Cortina al congresso della Fis che a giugno, in Messico, assegnerà i Mondiali. «L’idea è di presentare Cortina con alcuni brevi video», ha spiegato Donadon, «il primo introdotto dal premier Renzi, che sostiene tantissimo la nostra candidatura, che parli dell’Italia, della capacità italiana di fare squadra, di fare impresa. Poi alcuni video su Cortina, le sue piste, con l’intervento di persone del mondo dello sport e della cultura».
Donadon qui ha coinvolto i primi due sponsor: Unicredit e Cattolica Assicurazioni che copriranno parte delle spese della candidatura. «Vogliamo arrivare a giugno con i conti in ordine», ha detto, «la Regione ha già stanziato 100 mila euro; una parte la mette il Comune, un’altra la Fisi e abbiamo coinvolto due sponsor proprio per non dover ripianare nessuna spesa. Se poi otterremmo i Mondiali coinvolgeremo tanti altri sponsor, disposti ad investire su questo meraviglioso progetto. Adesso dobbiamo dimostrare che siamo all’altezza dell’evento, che siamo compatti, uniti nel raggiungere l’obiettivo. Noi ci crediamo, ma volutamente non dobbiamo dare nulla per scontato». (“Dal Corriere delle Alpi”)

Leggi qui il dossier completo:

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy