L’atletica veneta incorona le sue stelle: Vallortigara atleta dell’anno

L’atletica veneta incorona le sue stelle: Vallortigara atleta dell’anno

di Redazione PadovaSport.TV

Latletica veneta incorona le stelle del 2018. Domani, sabato 23 marzo, con inizio alle 16, nella sala teatro Aldo Rossi del Centro Civico di Borgoricco (Padova), andrà in scena lannuale edizione della Festa dellatletica regionale, organizzata in collaborazione con la Libertas Sanp e l’amministrazione comunale. In passerella gli atleti, ma anche le società, spina dorsale del movimento. E poi i dirigenti, i tecnici, i giudici di gara, gli amministratori pubblici. In cima al lungo elenco di premiati, Elena Vallortigara, latleta vicentina che nel 2018, saltando 2.02 il 22 luglio a Londra, si è ritagliata uno spazio tra le migliori altiste al mondo, salendo sino al secondo posto nelle graduatorie italiane di sempre, alle spalle della primatista Antonietta Di Martino. E lei lAtleta veneta dellanno: succede a Silvia Rampazzo, asso della corsa in montagna, incoronata lanno scorso, sempre a Borgoricco. Nel 2017 il premio era andato alla lunghista Laura Strati. Latletica veneta, ai massimi livelli, continua ad essere colorata di rosa. Se quello di Elena Vallortigara è il volto di una stella di oggi, il futuro sorride al 17enne veneziano Federico Guglielmi, astro nascente della velocità, a cui va il titolo di Promessa veneta dellanno.  Nel suo 2018 spicca la conquista del titolo italiano allievi nei 100 e il contributo dato alla staffetta mista che a Gyor ha vinto loro ai Campionati Europei under 18.  Riceverà idealmente il premio dalle mani di Veronica Zanon, leader giovanile nella precedente stagione. Riconoscimenti speciali per il trevigiano Andrea Meneghin e la padovana Emma Maria Mazzenga, che i loro stessi colleghi di pista e pedane hanno votato Atleti master dellanno. Premio Scatena (Dirigente dellanno) al bellunese Claudio Biesuz, premio Ossena (Tecnico assoluto dellanno) al trevigiano Faouzi Lahbi, premio Idda (Tecnico giovanile dellanno) al vicentino Diego Zocca. Riconoscimento alla carriera per il tecnico rodigino Vito Quaranta. Premi speciali anche per Antonio Zatta e, alla memoria, per Ivo Merlo, da poco scomparso. Tra i giudici di gara, premio Franceschini a Monica Panozzo e Giuseppe Stival. Mentre Diego Bonavina, assessore allo Sport del Comune di Padova, ritirerà il riconoscimento tra gli amministratori pubblici. Ma lelenco dei premiati è lunghissimo, comè giusto che sia per unaltra stagione che latletica veneta ha vissuto costantemente in primo piano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy