Atletica, addio di Silvana Santi ad Assindustria

Atletica, addio di Silvana Santi ad Assindustria

La storica dirigente padovana lascia l’atletica

Commenta per primo!

“Separazione consensuale”. Silvana Santi non è più direttore di Assindustria Sport. Dopo 40 anni in cui ha messo a disposizione dell’articolazione sportiva di Confindustria Padova la sua verve e la sua inventiva, la società di riferimento dell’atletica padova cambia guida. “Il presidente di Confindustria Padova, Massimo Pavin, il presidente di Assindustria Sport, Federico de’ Stefani e il direttore della società sportiva, Silvana Santi, rendono noto di avere deciso consensualmente di interrompere il rapporto professionale. La scelta condivisa è venuta al termine di un confronto positivo, seguito alle dimissioni della dirigente sportiva e al successivo chiarimento, e concluso oggi con la decisione consensuale”. Così recita la nota ufficiale di Confindustria che sancisce la fine della collaborazione.

Le dimissioni di Silvana Santi erano arrivate a luglio e da settembre la dirigente non era più nel suo ufficio di via Masini. Le due parti si erano più volte incontrate, facendo anche ipotizzare un riavvicinamento, ma alla fine la scelta di voltare pagina ha coinvolto tutti gli attori. A fine giugno era stato nominato Stefano Pozzi, direttore di Confindustria Padova, amministratore delegato della società, che andava così ad affiancare Silvana Santi, confermata come direttore.

Ora resta da capire come si muoverà la società senza la figura che ne è stata il punto di riferimento per un così lungo tempo. Ieri Federico de’ Stefani ha incontrato tecnici e dirigenti allo stadio Colbachini, che la società gestisce, per comunicare direttamente l’importante novità. Il presidente ha confermato gli impegni “gestionali, agonistici ed organizzativi”. Confermati dunque la Maratona di Sant’Antonio, in programma il prossimo 22 aprile, e il Meeting Città di Padova. Dopo la deludente prestazione dell’ultima edizione, ripartirà dunque anche l’impegno dei campionati di società di atletica, così come quello promozionale. «La scelta di Confindustria Padova, condivisa con il presidente Massimo Pavin, è di aumentare il proprio impegno nella società sportiva – sottolinea de’ Stefani – Società sportive come la nostra, per vocazione e statuto, non producono reddito ed anzi costringono ogni anno Confindustria Padova a un considerevole sforzo economico. La nostra volontà è quella di accrescere la presenza nel vivaio e nella promozione dell’atletica nelle scuole».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy