Kioene Padova, che rimonta a Monza: arrivano i tre punti

Kioene Padova, che rimonta a Monza: arrivano i tre punti

di Redazione PadovaSport.TV

Vero Volley Monza – Kioene Padova 1-3
(25-13, 28-30, 19-25, 20-25)

Vero Volley Monza: Dzavoronok 16, Orduna, Ghafour 24, Botto 5, Yosifov 11, Beretta 9, Rizzo (L); Galliani 8, Arasomwan 1, Giannotti 1, Buchegger 1. Non entrati: Buti, Calligaro. Coach: Fabio Soli.
Kioene Padova: Polo 8, Louati 12, Volpato 13, Torres 17, Travica 1, Barnes, Danani (L); Cottarelli, Cirovic 10, Premovic, Lazzaretto 1, Bassanello (L). Non entrati: Sperandio. Coach: Valerio Baldovin.
Arbitri: Cerra-Curto.
Durata:
22’, 37’, 25’, 27’. Tot. 1h 51
Spettatori: 1.481.
MVP:  Maurice Armando Torres (Kioene Padova)
NOTE. Servizio: Monza errori 22, ace 5; Padova errori 7, ace 4. Muro: Monza 17, Padova 12. Ricezione: Monza 45% (31% prf), Padova 57% (33% prf). Attacco: Monza 52%, Padova 45%.

 

Dr Jekyll e Mr Hyde: la Kioene Padova vince in rimonta sul difficile campo di Monza. Dopo un primo set praticamente nullo in attacco (19% di positività), i veneti sono riusciti a inanellare una serie di giocate che hanno consentito loro di vincere per 1-3. Padova ha cambiato volto e Torres ad un tratto ha preso per mano la squadra, trascinandola verso una vittoria che sembrava impossibile. Per la compagine guidata da coach Baldovin la festa a fine campo dopo la partita sembrava pari a quella della conquista di un trofeo. Per come è maturata, questa vittoria assume un ruolo fondamentale nel proseguo del cammino della Regular Season, perché porta i patavini a prendere coscienza delle proprie potenzialità.
LA CRONACA.  Buon avvio per i padroni di casa, con Ghafour a segno e con Torres a sparare fuori l’attacco del 4-1. Sul 5-1 coach Baldovin chiama il primo time out discrezionale del match. I padroni di casa difendono e murano bene, volando sull’8-2. L’ace di Botto allunga il distacco (14-16) ed è Monza a fare il gioco. Sul 18-9 coach Baldovin manda in campo Premovic al posto di un Torres in difficoltà. La Vero Volley fa il bello e cattivo tempo, mentre la Kioene non riesce a riaprire il set. Sul 22-11 Cirovic prende il posto di Barnes ma è solo questione di minuti: il muro di Giannotti su Cirovic manda le squadre al cambio campo sul 25-13.
Rispetto al primo set, Padova manda in campo Cirovic per Barnes ed è proprio lui a realizzare il primo punto del parziale. Con Dzavoronok al servizio i padroni di casa trovano un break importante, tanto che sul 6-3 coach Baldovin chiama subito i suoi in panchina. La Kioene tenta di avvicinarsi, ma le troppe imprecisioni dei bianconeri consentono a Dzavoronok di allungare sul 14-9. La reazione dei patavini arriva con Polo molto attento sotto rete e Louati a forzare in battuta: sul 17-15 è coach Soli a chiedere pausa. Torres mura l’attacco che vale il 19-18 e il 20 pari porta la firma di Lazzaretto. Il sorpasso arriva sul primo tempo di Volpato (20-21) e il muro di Louati allunga 21-23. Il primo set ball arriva sul 23-24 ma Monza è brava a ribaltare la situazione. Si va ai vantaggi e a chiudere ci pensano Cirovic e il servizio vincente di Torres: 28-30.
L’inizio del terzo set è un testa a testa con Cirovic positivo sia in attacco che a muro (7-8). Torres ritrova smalto e al servizio è implacabile: il suo ace dell’8-11 costringe coach Soli a chiedere pausa di gioco. Ghafour è uno dei più positivi in casa Vero Volley ed è lui a trovare il pari e il sorpasso che valgono il 13-12. Immediata la reazione patavina, che col servizio flottante di Volpato mette in difficoltà la ricezione avversaria staccando 13-16. Torres aumenta le distanze col mani out del 17-22 e il set ball arriva con l’ace di Cirovic (18-24). L’invasione di Botto consegna il set a Padova (19-25).
Si erge a muro la Kioene nel quarto set, con Volpato a mettere a terra la palla del provvisorio 3-6. Monza però non molla e sul 9-10 entra Buchegger per Ghafour. Cresce il nervosismo in casa patavina e sul muro del 13-12 di Yosifov coach Baldovin richiama tutti in panchina. Con Cottarelli alla battuta, Padova trova un break importante con Louati a segnare il 15-18. Torres è scatenato e il suo muro del 16-21 spegne l’entusiasmo della Candy Arena. Dzavoronok spara sulla rete il servizio del 19-24 ed è Torres a chiudere il match con un pallonetto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy