Kioene Padova, coach Baldovin: “Calendario? L’inizio sarà un bel banco di prova”

Kioene Padova, coach Baldovin: “Calendario? L’inizio sarà un bel banco di prova”

Comincerà in casa, domenica 2 ottobre alle ore 18, contro la Bunge Ravenna. E poi toccherà subito fare i conti con un trittico niente male, la trasferta di Perugia, la gara interna con Trento e quella sul campo dei campioni d’Italia di Modena, dove i bianconeri ritroveranno due ex importanti come Orduna e Cook. Eccoli qui, i primi appuntamenti nel calendario della Kioene, diramato ieri a Bologna (e qui sotto è riportato integralmente) al termine della consueta tre giorni di luglio dedicata al volley mercato. È contento coach? «Ricorda un po’ la successione con cui facemmo i conti nel primo anno in Superlega, quando affrontammo una dopo l’altra tutte le avversarie più forti», sottolinea Valerio Baldovin, tecnico della squadra padovana. «Sarà un bel banco di prova. Noi, però, abbiamo l’obbligo di ragionare più a lungo termine». Vale a dire? «Che servirà avere pazienza. Non dico che in questa stagione ripartiremo da zero, ma è innegabile che molto sia cambiato. Le scommesse sono tante, diversi giocatori saranno alla prima esperienza in Italia e l’età media, che già nello scorso campionato era di 23 anni, la più bassa in assoluto, scenderà ancora, tant’è che il più vecchio sarà Giannotti, con i suoi 27. La fase di preparazione, che inizierà due mesi prima dell’esordio ufficiale, il 9 agosto, sarà fondamentale per costruire il gruppo e oliare certi i meccanismi». La separazione da capitan Orduna, in particolare, è stata inevitabile ma dolorosa. Al suo posto arriva un palleggiatore di 2 metri come Shaw, dalle caratteristiche molto diverse. «Cambierà totalmente il nostro gioco. Per questo dico che il primo passo sarà trovare una nostra identità. Ma aggiungo che la sfida è stimolante e che questa squadra mi piace, anche perché presenta la possibilità di operare più variazioni tattiche. Nessuno dovrà sentirsi titolare, e lo stesso Zoppellari troverà sicuramente spazio in regia». Sarà l’anno della consacrazione di Sebastiano Milan, che figura in organico come schiacciatore e non più come potenziale opposto? «È il terzo anno in cui gioca con noi, ci aspettiamo un suo ulteriore salto di qualità». Dopo il sorprendente settimo posto della scorso torneo, con il conseguente ritorno ai playoff, ci si chiede dove possa arrivare Padova quest’anno. «È davvero troppo presto per sbilanciarsi, proprio per le ragioni appena evidenziate. Posso dire che le avversarie che sulla carta sembrano più alla portata sembrano Ravenna e le neopromosse Sora e Vibo, mentre Monza e Piacenza si sono rafforzate molto. Ma ne riparliamo più avanti, va bene?». La regular season si chiuderà il 9 marzo, poi le prime otto disputeranno i playoff. La Coppa Italia scatterà con gli ottavi di finale in gara secca il 14 e 15 dicembre, fra le squadre classificate tra il 5º ed il 12º posto. (Da Il Mattino)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy