Kioene Padova, vittoria col fiato sospeso a Ravenna

Kioene Padova, vittoria col fiato sospeso a Ravenna

di Cecilia Bacco

Consar Ravenna – Kioene Padova 2-3 (26-28, 19-25, 25-16, 25-12, 12-15)

Consar Ravenna: Russo 7, Rychlicki 27, Poglajen 18, Raffaelli 13, Saitta 2, Verhees 8, Goi (L); Di Tommaso, Argenta, Baroni (L). Non entrati: Elia, Smidl, Marchini, Maretti. Coach: Gianluca Graziosi.
Kioene Padova: Polo 4, Louati 15, Volpato 9, Torres 20, Travica 2, Barnes 13, Danani (L); Cottarelli, Cirovic 2, Premovic, Lazzaretto 1, Bassanello (L). Non entrati: Sperandio. Coach: Valerio Baldovin.
MVP: Maurice Armando Torres (Kioene Padova)
Note. Servizio: Ravenna errori 16, ace 7; Padova errori 15, ace 3. Muro: Ravenna 9, Padova 11. Ricezione: Ravenna 41% (23% prf), Padova 53% (35% prf). Attacco: Ravenna 48%, Padova 46%.

Per la penultima gara di regular season, Baldovin preferisce inserire il canadese Barnes nel sestetto titolare e giocare Cirovic come asso nella manica. Buon avvio della Kioene Padova che grazie a difesa e attacco di Louati ottiene il primo break sul 4-6. La Consar vede Rychlicki protagonista che trascinando i suoi ottiene il 10 pari. Torres non è da meno e sull’11-14 Graziosi chiede tempo. Pecca in fase difensiva la formazione ospite; Verhees e Russo ne approfittano e segnano il sorpasso sul 21-20. È un testa a testa con il primo set ball che arriva a firma di Louati dopo un grande palleggio di Travica (23-24). Torres chiude il parziale sul 26-28.

Padova prova a dettare il ritmo già dalle prime palle del secondo parziale ma Ravenna segano il sorpasso con Verhees (6-5). Quando Poglajen allunga con l’ace del 14-12 Baldovin chiama i suoi in panchina. Nasce un bel testa a testa con il muro di Barnes a murare l’opposto ravennate sul 18-19. Il 18-20 di Torres costringe coach Graziosi a chiedere pausa. Louati al servizio trova l’ace del 18-22 mentre gli errori della Consar mettono nelle mani di Padova il 18-24. Russo spedisce fuori il servizio del 19-25, 2-0 Kioene.

Ancora Poglajen a fare la differenza al servizio in avvio del terzo set (6-3). Raffaelli attento in attacco quanto a muro intimidisce Padova portando i padroni di casa sul 13-9. La Kioene cala ed è ancora Raffaelli ad allungare: è 18-12 . L’ace del 23-15 di Poglajen taglia le gambe ai bianconeri, sbaglia anche Torres e il parziale termina sul 25-16 con Ravenna che riapre la partita.

Ravenna crede alla rimonta e una prestazione da vera squadra permette ai padroni di casa di allungare sull’8-4. Torres accorcia col doppio colpo del 12-9 ma Ravenna ancora una volta si distingue in battuta, questa volta con Rychlicki (14-9). Sul 16-10 Baldovin gioca la carta Cirovic ma la Kioene è smarrita mentre la Consar dilaga con un incontenibile Raffaelli. Sul 21-10 Cottarelli e Premovic subentrano a Travica e Torres ma il tie break è solo rimandato. La pipe vincente di Raffaelli vale il pareggio ravennate.

Nell’ultima frazione Cirovic viene confermato. Al cambio campo (8-6) Ravenna è avanti nonostante i diversi errori da ambo le parti. Il muro su Louati del 10-8 costringe Padova al time out. Al ritorno in campo Louati restituisce il muro dell’11-11 e il successivo colpo out di Raffaelli ribalta la situazione in favore degli ospiti. La diagonale vincente del francese conferma Louati protagonista del tie break che chiude il match per 12-15. Vittoria faticosa da ottenere per la Kioene Padova che spreca il 2-0 facendosi travolgere da Ravenna e rimediando solo al quinto set.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy