Kioene Padova, Giannotti lascia dopo sette stagioni e firma con Spoleto

Kioene Padova, Giannotti lascia dopo sette stagioni e firma con Spoleto

Dopo sette stagioni consecutive trascorse insieme tra serie A2 e Superlega, Stefano Giannotti affronterà una nuova stimolante avventura con la Monini Spoleto, squadra che partecipa al campionato di serie A2. Per Giannotti, cresciuto nel settore giovanile bianconero e divenuto negli anni il punto di riferimento offensivo della prima squadra, questa sarà a tutti gli effetti la prima esperienza lontano da casa. «Sono rimasto colpito dal progetto di Spoleto – dice Stefano – che vuole iniziare un percorso di crescita importante per la squadra della città. Per me si tratterà di un’esperienza completamente nuova ma la affronto con grande entusiasmo».
Se tu dovessi mettere nella valigia tre ricordi dei tuoi anni trascorsi a Padova, quali sceglieresti?
«Anzitutto la volta in cui mi telefonarono per dire che sarei stato aggregato alla prima squadra. Ero confuso ma emozionato allo stesso tempo, perché per me si sarebbe aperto un nuovo capitolo professionale della mia vita. Il secondo ricordo è legato invece alla gioia incontenibile per la promozione in Superlega conquistata a Monza, mentre il terzo è la vittoria contro Modena ottenuta a Gara2 ai play off scudetto. Padova mancava da molti anni a questo appuntamento e sono felice di aver dato il mio contributo per raggiungerlo».
Cosa vuoi dire ai tifosi bianconeri?
«Li voglio ringraziare per il sostegno dimostratomi in questi anni. Inoltre in questi giorni ho ricevuto diversi messaggi di stima da parte loro e mi ha fatto grandissimo piacere. Padova ha dimostrato di possedere un pubblico che ama profondamente la pallavolo e lo dimostra il fatto che le presenze medie alla Kioene Arena abbiano superato sempre le duemila unità, non solo a seguito di periodi positivi ma anche nei momenti più difficili. A prescindere dalla squadra che scende in campo, i tifosi sono sempre lì a sostenere il gruppo: questo è uno dei punti di forza di Padova e del movimento che rappresenta».
La Società ringrazia l’ex opposto patavino per le conquiste ottenute con la maglia bianconera (tra cui anche la vittoria della Coppa Italia di serie A2), rivolgendogli un sincero “in bocca al lupo” per il proseguo della sua carriera.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy