Kioene Padova, il ds Santuz furibondo: “Siamo stati indecenti”

Kioene Padova, il ds Santuz furibondo: “Siamo stati indecenti”

Duro sfogo del direttore sportivo della Kioene Padova, dopo il k.o. di Molfetta. “Ci sono dei limiti oltre i quali
non si può scendere – ha detto, intervistato da Il Mattino – domenica li abbiamo superati. Parlo di limiti di decenza sul piano del rendimento tecnico e, più ancora, dell’atteggiamento mostrato sotto rete, soprattutto nel primo set. Provvedimenti? Non è una questione di punizioni, ma di far capire a tutti che in Superlega non si può pensare di scendere in campo senza la giusta determinazione. All’impegno della società deve far riscontro quello dei giocatori. E a Molfetta non c’è stato”. Il “caso Giannotti”, giocatore a cui è stata tolta la fascia di capitano, non ha aiutato a migliorare il clima. Anche in Puglia è partito dalla panchina. “Con lui non esiste alcun tipo di problema – la risposta di Santuz – In questo momento sta giocando da opposto Milan, con un discreto rendimento. Giannotti resta una nostra risorsa”. Le sconfitte consecutive sono 8. Ci saranno novità dal mercato? “Stiamo valutando ogni possibilità – spiega il ds – ma non è facile trovare qualcuno di livello. In base al regolamento può arrivare solo un elemento che non abbia già giocato in Italia in questa stagione e, all’estero, tutti i campionati sono attualmente in corso. Di sicuro, se concluderemo un’operazione, non sarà tanto per fare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy