Tonazzo, Baldovin contento dei progressi: “Stiamo trovando la continuità che cerchiamo da inizio stagione”

Tonazzo, Baldovin contento dei progressi: “Stiamo trovando la continuità che cerchiamo da inizio stagione”

Commenta per primo!

Valerio Baldovin può essere soddisfatto,  nel posticipo contro Piacenza andato in diretta tv i suoi ragazzi hanno raccolto tre punti che hanno dato ulteriore ossigeno alla classifica della Tonazzo, ora a una sola lunghezza dall’ottavo posto, l’ultimo utile per i play-off. Ma il tecnico dei padovani non vuole sentire parlare di queste cose, come riporta il Gazzettino: “Non è per scaramanzia, sia chiaro, ma semplicemente perché sono tutti discorsi che hanno poco senso in questo momento. È troppo presto. Io guardo solo al prossimo allenamento e alle prossime due partite. Il resto non mi interessa. È troppo in là». Di sicuro il coach della Tonazzo può essere felice per il momento che la squadra padovana sta attraversando: “Abbiamo giocato due buone partite di fila. Stiamo trovando quella continuità di gioco su cui lavoriamo da inizio stagione. Noi non abbiamo fenomeni in squadra, ma tutti buoni giocatori. Proprio per questo non possiamo prescindere dalla qualità del collettivo. Solo quando tutta la squadra gira, possiamo raccogliere frutti”. In realtà questa squadra sta migliorando il proprio gioco di partita in partita. Certo è che Piacenza ha fatto poco, ma la Tonazzo ha giocato in certi momenti una pallavolo spettacolare come Baldovin ci tiene a sottolineare: “A parte la prima partita con Latina, abbiamo sempre giocato su buoni livelli, per quelle che sono le nostre possibilità. Quello che mi conforta di più è il trend sulla diminuzione degli errori sia in battuta che in attacco. Rispetto alla prima parte del campionato, i numeri sono decisamente diversi. Non solo, ma anche il lavoro in difesa e in contrattacco sta portando i frutti attesi”.
Il “progetto” Tonazzo comincia a dare le prime reali soddisfazioni per l’ orgoglio dei tifosi e del suo tecnico che conclude : “Sono tre anni che l’impianto di gioco è più o meno lo stesso, pur con qualche cambiamento di giocatori. Lavorare in questo modo e con un progetto chiaro davanti è sicuramente un vantaggio”. Tre sono anche gli anni che questa squadra lavora con Orduna in cabina di regia. Un giocatore che è certamente arrivato tardi nella massima serie, ma che si sta confermando l’anima di questo gruppo, oltre che uno dei migliori palleggiatori del campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy