Vibo amara, Kioene torna a mani vuote. Baldovin: “Avanti con serenità”

Vibo amara, Kioene torna a mani vuote. Baldovin: “Avanti con serenità”

di Redazione PadovaSport.TV

Torna a casa a mani vuote la Kioene Padova. In occasione della lunga trasferta di Vibo Valentia, i bianconeri devono soccombere ai colpi di Al Hachdadi, autentico trascinatore della squadra calabrese. Un vero peccato, perché Padova aveva vinto un rocambolesco primo set, illudendo i veneti di poter trovare qualche punto utile per la classifica. In una gara giocata su grandi equilibri, sono spesso state determinanti le difese dei padroni di casa, in grado d’innescare Skrimov & C.
LA CRONACA. Buon avvio della Kioene Padova, che con Torres stacca sul 4-8 sfruttando le inusuali imprecisioni in attacco di Al Hachdadi. Anche Randazzo partecipa nell’aumentare le distanze al servizio (5-10) e da quel momento i bianconeri continuano a tenere le distanze fino al 20-23 quando coach Baldovin chiede time out dopo il ritorno dei padroni di casa. Al ritorno in campo Vibo mette pressione ai bianconeri (con Randazzo che subisce un colpo alla mano sull’1aione del 23-22). La murata di Al Hachdadi su Cirovic porta il set ai vantaggi. Sul finale l’ace di Torres e il mani out del solito Randazzo permettono ai veneti di chiudere 29-31.
Difficoltà in avvio di secondo set per Padova, con l’errore al palleggio di Danani che regala il provvisorio 8-5 ai calabresi. Vibo passa bene al centro e questo consente loro di rimanere avanti fino all’ace di Al Hachdadi che stacca sul 16-12. E’ proprio l’opposto marocchino a trovare l’ace del 23-19 che taglia le gambe a Padova che, con l’errore al servizio di Louati e l’attacco sulla rete di Torres, s’impone 25-20.
Nel terzo set, l’attacco di Strobach e il muro di Mengozzi su Cirovic portano il punteggio sul 6-3. Sul seguente attacco sulla rete di Torres, coach Baldovin chiede time out. Padova prova a riavvicinarsi, ma l’ace di Skrimov aumenta il divario (13-8). Louati entra in campo per Cirovic ma sono troppi gli errori della Kioene al servizio (19-14). Torres e lo schiacciatore francese accorciano (19-17) con Vibo che si rifugia in panchina. Randazzo aggancia il punteggio sul 20-20 e il finale è un testa a testa. Mengozzi raccoglie il set ball (24-23) ma con Torres si va ai vantaggi. Randazzo trova il mani out del 25-26 ma Al Hachdadi ribalta il risultato chiudendo con l’ace del 28-26.
Grande equilibrio nel quarto set, con Louati in campo dall’inizio per Cirovic (5-6). Al Hachdadi però trascina i suoi e la Tonno Callipo ritrova il vantaggio con il muro dell’opposto su Randazzo (14-11). Padova però non molla fino a trovare la parità (20-20). Ancora una volta è testa a testa, ma Al Hachdadi trova i due punti consecutivi del match ball (24-22) ed è lui stesso a chiudere con l’ace del 25-22.

Valerio Baldovin (coach Kioene Padova): «Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata, perché stasera Vibo Valentia ha dimostrato che fino ad oggi la classifica non esprimeva il loro vero potenziale. In alcune occasioni non siamo riusciti a mettere la giusta pressione necessaria per realizzare i punti decisivi, ma questo non toglie che la squadra abbia giocato comunque con grande intensità. Proseguiamo con serenità, consci che siamo alla ricerca di maggiore continuità»

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Kioene Padova 3-1
(29-31, 25-20, 28-26, 25-22)
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Zhukouski 5, Vitelli 9, Skrimov 18, Al Hachdadi 35, Strobach 5, Mengozzi 7, Marra (L); Marsili. Non entrati: Cappio (L), Barreto Silva, Domagala, Presta. Coach: Antonio Valentini.
Kioene Padova: Polo 5, Cirovic 4, Volpato 8, Torres 20, Travica 2, Randazzo 16, Danani (L); Louati 7, Cottarelli, Sperandio, Premovic, Lazzaretto, Bassanello (L).  Coach: Valerio Baldovin.
Arbitri: Tanasi-La Micela.
Durata:
  34’, 24’, 33’, 26’. Tot. 1h 57’
Spettatori: 1.000
Incasso: 1.600 Euro
MVP: Mohamed Al Hachdadi (Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia)
NOTE. Servizio: Vibo Valentia errori 27, ace 9; Padova errori 18, ace 6. Muro: Vibo Valentia 9, Padova 7. Ricezione: Vibo Valentia 56% (24% prf), Padova 43% (28% prf). Attacco: Vibo Valentia 54%, Padova 48%.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy