Pescara-Luparense, una brutta pagina di calcio a 5. La ricostruzione

Pescara-Luparense, una brutta pagina di calcio a 5. La ricostruzione

E’ successo di tutto al termine della prima gara della finale scudetto di calcio a 5 tra Pescara e Luparense, in attesa di chiarire meglio le responsabilità, ecco una ricostruzione dei fatti per chi si fosse perso qualcosa:

Tutto è accaduto nel cosiddetto “terzo tempo”, il momento in cui, conclusa la gara, le due squadre si ritrovano al centro del campo, insieme agli arbitri, per congedarsi dal pubblico e salutarsi vicendevolmente.
Mentre i giocatori della Luparense sfilano per dare il classico “cinque” ai loro avversari, battuti ai calci di rigore, si vede benissimo che Tobe, lo spagnolo di colore dei Lupi, colpisce al volto Caputo, che si porta le mani all’altezza dello zigomo sinistro e urla per il dolore. Da lì in poi si scatena un parapiglia indescrivibile, con un’autentica caccia all’uomo che vede coinvolti giocatori, tecnici e dirigenti di Pescara e Luparense. Dalle immagini della diretta tv, rilanciate anche in rete da You tube, si nota però chiaramente che, prima che sia colpito da Tobe, Caputo fa o dice qualcosa all’iberico, provocandone la reazione. Come se lo avesse offeso, dopo che in campo erano volate scintille. Il resto avviene lontano dagli “occhi” delle telecamere, nel tunnel che porta agli spogliatoi. È lì che le due squadre danno il peggio di se stesse: una mega-rissa fra una quarantina di persone, che gli steward addetti al campo non riescono ad arginare e che impone ai poliziotti presenti di intervenire a colpi di manganello per separare i contendenti fra di loro. Un epilogo vergognoso, una pessima pagina di sport. (Da Il Mattino)

Chi è Roberto Tobe, ecco il giocatore ospite del nostro Speciale Luparense:

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy