Nasce la Polisportiva Megliadino: calcio, tennistavolo e danza sportiva anche nel piccolo comune padovano

Nasce la Polisportiva Megliadino: calcio, tennistavolo e danza sportiva anche nel piccolo comune padovano

GUARDA IL SERVIZIO TV SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Una festa grande che ha radunato i bambini dell’istituto comprensivo De Amicis, elementari e medie, per accogliere la nascita della prima società sportiva locale. Ieri mattina erano circa 250 fra alunni e docenti, insieme al sindaco Silvia Mizzon, ai dirigenti di sei società sportive dei paesi limitrofi, al parroco don Silvio e ai giovani del gruppo storico dei musici e sbandieratori di Megliadino, ad accogliere Gianfranco Bardelle e Flaviano Buratto, rispettivamente presidente del Coni Veneto e delegato provinciale di Padova. Grandi applausi anche per Gianfranco Sartori, acclamatissimo coordinatore tecnico del Coni. Megliadino San Vitale, duemila anime, è stato individuato come il vincitore veneto del progetto Luoghi di sport, un concorso del Coni nazionale nato per favorire la nascita di società sportive lì dove non ne esistono. Il Coni Veneto ha scelto Megliadino San Vitale fra 19 Comuni, sulla base del numero di abitanti. Ieri, pertanto, sono state consegnate le attrezzature sportive necessarie alla neonata Polisportiva Megliadino per proporre calcio, tennistavolo, danza sportiva, attraverso il lavoro di Stefano Piovan e Valeria Slanzi, laureati in scienze motorie che ne saranno gli allenatori. Presidente della nuova asd è Daniele Buson e fanno parte della dirigenza anche Mario Cremonese e Michele Mantoan.

“La nostra regione è seconda in Italia per movimento sportivo – ha ricordato Bardelle – Questo si traduce in capacità, preparazione, grandi risultati e medaglie, ma soprattutto lo sport fa crescere i ragazzi con la cultura sportiva e con tanto sano divertimento. Il merito va anche ai circa 300 mila volontari, se in Veneto ci sono ben 100 mila fra atleti e dirigenti sportivi. Oggi siamo qui per dare a Megliadino una nuova opportunità: vorremmo sempre trovare questa accoglienza così allegra e festosa, che ci dimostra che Luoghi di Sport è un progetto davvero valido e necessario. Vogliamo che continui e che sia incrementato, lo riferirò al Coni nazionale, chiedendo a gran voce che si facciano altre edizioni”.

Ma non solo: è in arrivo anche un defibrillatore che servirà alla polisportiva a essere all’avanguardia in fatto di pronto soccorso e intervento d’emergenza.Raggiante la sindaca Mizzon ha manifestato tutta la sua soddisfazione per questo risultato: “La nascita di una società sportiva per una realtà piccola come la nostra è un evento grandissimo, e invito tutti, non solo i ragazzi ma anche gli adulti, a partecipare alle attività, perché lo sport fa bene a tutte le età”. A margine, Bardelle ha rilanciato: “Con la nuova giunta regionale sottoporremo all’attenzione delle istituzioni politiche le istanze di queste realtà piccole, affinché il loro intervento si concretizzi non solo in termini di contributi, ma anche attraverso materiale sportivo. E’ importante stimolare i giovani e fare in modo che non si verifichi il classico abbandono sportivo che avviene dopo le scuole medie perché la salute di un popolo si costruisce fin da giovani e fare sport e attività fisica a tutte le età significa risparmiare soldi in sanità perché si tengono lontane tutte le patologie legate alla sedentarietà, al sovrappeso e a stili di vita sbagliati”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy