Rugby, convocazioni per il 6 nazioni: Padova cala il poker

Rugby, convocazioni per il 6 nazioni: Padova cala il poker

Da Il Mattino: il Ct Brunel chiama in azzurro Mattia Bellini, i fratelli
Leonardo e Jacopo Sarto e Leonardo Ghiraldini

Anche senza i suoi storici senatori, Padova resta un punto di riferimento per la Nazionale di rugby. Tra i convocati dal Ct Jacques Brunel, che ieri pomeriggio ha ufficializzato la lista dei 30 azzurri per le prime due partite del Sei Nazioni 2016, ci sono Mattia Bellini, 21 anni, ala del Petrarca e altri tre padovani cresciuti nel club tuttonero prima di spiccare il salto nel rugby professionistico. Si tratta del tallonatore Leonardo Ghiraldini, 31 anni, ormai veterano con i suoi 80 caps, e dei fratelli Sarto, l’ala Leonardo, 22 anni (23 caps), e il terza linea Jacopo, 25 anni, alla prima convocazione in Nazionale dopo essersi ritagliato un posto da titolare in Celtic League con le Zebre. Lo staff dell’Italrugby ha incluso ben 10 esordienti tra i convocati per il prestigioso torneo, in parte per sostituire qualche indisponibile (come il pilone Michele Rizzo, altro padovano, infortunatosi ai Mondiali, Simone Favaro o Andrea Masi), in parte per includere nel gruppo azzurro alcuni esordienti che si sono messi in luce con i loro club in Pro12 o in Eccellenza. Tra questi, oltre ai già citati Bellini e Jacopo Sarto, figura anche il tallonatore Ornel Gega del Benetton Treviso, che al Petrarca Padova ha giocato tre stagioni fra il 2010 e il 2013 vincendo l’ultimo scudetto tuttonero nel 2011. Gli altri volti nuovi sono i piloni sinistri Andrea Lovotti (Zebre) e Matteo Zanusso (Benetton), le terze linee di origine sudafricana Andries Van Schalkwyk (Zebre) e Abraham Steyn (Benetton), l’apertura Edoardo Padovani (Zebre) e i trequarti Tommaso Castello (Calvisano) e David Odiete (Mogliano). Solo cinque i giocatori che militano in campionati esteri: Castrogiovanni (Racing), Cittadini (Wasps), Ghiraldini (Leicester), Parisse (Stade Francais) e Campagnaro (Exeter). Il Ct Brunel ha sottolineato l’importanza degli ultimi raduni, decisivi per individuare nuovi elementi da inserire nel giro azzurro. L’Italia, guidata da capitan Parisse, esordirà sabato 6 febbraio contro la Francia allo Stade de France di Parigi, ospitando poi l’Inghilterra allo stadio Olimpico di Roma domenica 14 febbraio. Se Bellini dovesse scendere in campo in uno di questi incontri, sarebbe il primo giocatore del Petrarca in azzurro dopo sei anni di assenza: l’ultimo fu Paul Derbyshire, nel Sei Nazioni 2010.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy