SCUDETTO Lantech, ecco tutti i protagonisti

SCUDETTO Lantech, ecco tutti i protagonisti

Eccoli qui, i protagonisti dell’impresa. Stefano Posterivo. Il 2013 resta nella memoria degli appassionati sportivi anche per lo storico addio di Alex Ferguson alla panchina del Manchester United. Ma a Bologna, le parole 2013 e addio fanno venire in mente proprio il cosentino Posterivo che, dopo 14 stagioni alla guida della prima squadra emiliana, decise di traferirsi all’ombra del Santo, per sposare la causa di questo Plebiscito che da tempo sembrava pronto a spiccare il volo ma non riusciva a farlo. Da allora, la sua squadra è arrivata in finale a tutte le competizioni a cui ha partecipato.Laura Teani. Chi è meglio, Teani o Gorlero? La domanda si trascina da anni fra gli appassionati, come fossero Coppi e Bartali. Lasciando perdere i confronti c’è solo da dire che quest’atleta bergamasca, ma padovana d’adozione, 24 anni, è il presente e il futuro del setterosa. Invalicabile. Laura Barzon, ventitrè anni, è la sola giocatrice a essere scesa in acqua in tutte e otto le finali tricolori conquistate a livello giovanile dal Plebiscito. L’allora più importante, però, le mancava. L’ha vinto ora dopo l’ennesimo campionato ai vertici. Ilaria Savioli. Se la gemella Martina è un punto di riferimento in attacco, lei (25 anni) è un baluardo in difesa, reparto che poi è la forza di questa squadra. Al tiro, però, ci va spesso: 13 volte a bersaglio in regular season. Martina Gottardo. Chi lo dice che i giovani devono stare in panchina? A 19 anni si sta ritagliando sempre più spazio, sgomitando da boa. Martina Savioli. Assieme alla gemella Ilaria fa parte del gruppo storico del Plebiscito. Frenata in questa stagione da qualche problema fisico resta imprescindibile per la manovra offensiva padovana. Elisa Queirolo. Per chi non la vedeva tutti i giorni è stata una rivelazione. Ligure, 24 anni, è la regista della squadra e vanta un braccio davvero niente male, come hanno capito a proprie spese i portieri che ci hanno a che fare. Chi rimpiange più l’olandese Klaassen dello scorso anno? Alessia Millo. Genovese, 21 anni, inesauribile freccia della corsia destra, è l’altro nuovo arrivo dell’annata 2014-2015. Sua una delle immagini simbolo di questa finale: sanguinante al naso, per due volte deve lasciare la vasca in gara-2 ma poi torna e mette il suo sigillo sul match, realizzando una preziosa doppietta. Sara Dario. Difensore del 1994, è rientrata all’ovile nella scorsa stagione, dopo un anno trascorso a Roma: Padova ha ritrovato una giocatrice maturata e più sicura delle proprie possibilità. Federica Rocco. È la capitana e, con i suoi trent’anni, anche la veterana: azzurra ai Giochi olimpici di Pechino 2008 offre alla squadra un patrimonio di maturità e versatilità non comune, oltre a una grande rabbia agonistica. Annalisa Bosello. Unica centroboa di ruolo, 27 anni, è tornata a Padova a gennaio dopo un’esperienza in Australia: col suo arrivo ha portato in dote la sua enorme esperienza maturata, in particolare, all’Orizzonte Catania. Carlotta Nencha. 18 anni, avrà tempo e modo per mettersi in mostra. Letizia Lascialandà. Attaccante, del 1991, arriva da Ancona ma è come se fosse da sempre a Padova. 11 i suoi gol in regular season, grazie a un tiro mancino pericoloso. Anna Barzon. Davanti ha Laura Teani, che per un portiere è come essere alla Juve con Buffon. Ma in allenamento la 23enne Anna è sempre preziosa e con la sorella Laura e il fratello Filippo, team manager, costituisce un trio di gemelli unico. Del gruppo fanno anche parte Elisa Agosta (portiere), Gioia Krasti (portiere), Francesca Ratelli (difensore) e Priscilla Vidonis (attaccante). Ds Andrea Barzon. Team manager Filippo Barzon, presidente David Barbiero, patron Lino Barbiero. Albo d’oro. Dal 1985 al 1991 Volturno; dal 1992 al 2006 Orizzonte Catania; 2007 Fiorentina WP; dal 2008 al 2011Orizzonte Catania; 2012 Pro Recco; 2013 Rapallo Pallanuoto; 2014 Mediterranea Imperia; 2015 Lantech Plebiscito Padova.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy