Rugby, Petrarca umiliato a Rovigo

Rugby, Petrarca umiliato a Rovigo

Commenta per primo!

«Il Petrarca? Assente». Non cerca alibi, coach Pasquale Presutti al termine del netto 31-3 con cui Rovigo si è aggiudicato il 144° derby con i tuttoneri. E’ stata davvero irriconoscibile, la squadra padovana, che salva solo il primo posto in classifica: basti pensare alle cinque touche consegnate direttamente nelle mani avversarie, ma non solo. «Touche, mischia: tutto non ha funzionato in una partita a cui è difficile dare delle spiegazioni. Possiamo solo prendere atto della realtà che oggi è questa. Abbiamo giocato molto male, punto. Speriamo solo che sia l’unica volta che ci accade».

A testimoniare la mancata reattività del Petrarca, capace di realizzare solo con un piazzato di Walsh (che non riesce a ripetersi su analoga occasione al 16’ pt), si può ricordare l’azione del 29’ st: a tre metri dalla linea di meta, palla persa e meta subìta dopo un contropiede rossoblù di cento metri! A onor del vero, comunque, a quel punto il match era già incanalato sui binari rossoblù, visto che neppure i tre cambi con cui Presutti ha rivoluzionato trequarti e prima linea a inizio ripresa avevano sortito l’effetto sperato dopo un primo tempo iniziato a ritmi molto alti ma poi spigoloso e confuso.

ROVIGO-PETRARCA 31-3

Marcatori: pt 2’ Basson (R) drop, 7’ Walsh (P) cp, 9’ Bacchetti (R) meta tr. Bustos, 24’ Basson (R) cp, 37’ Bustos (R) cp, 41’ Bustos (R) cp. St 23’ Pace (R) meta non tr., 29’ Basson (R) meta tr. Bustos.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy