Volley Ealges Vergati, capitan Bandiera: “Chi la dura la vince”

Volley Ealges Vergati, capitan Bandiera: “Chi la dura la vince”

di Cecilia Bacco
«Come il resto dell’anno». È così che si prepara la Serie C Volley Eagles Vergati ai playoff in partenza tra qualche settimana. «Terremo ben allenate testa e fisico, daremo importanza all’aspetto tattico e ricaveremo dei momenti per rafforzare il nostro gruppo». Questa è la risposta di Elena Bandiera, capitano della squadra che si giocherà la promozione a breve. Elena dice di più, l’unico obiettivo ora è la vittoria. «Siamo a fine stagione, la fatica si sente ma l’unico risultato ammesso è la vittoria». Per tenere fede al proprio obiettivo è fondamentale non avere cali e non farsi scalfire dal peso di una stagione che alle ragazze di Riato ha chiesto tanto.
«Per il percorso dei playoff abbiamo dalla nostra la maturità. La squadra è affiatata, abbiamo raggiunto un equilibrio dopo una fase di assestamento da squadra nuova e giovane quale siamo». Dimostrazione del buon momento Vergati è la recente vittoria al tie break sulla diretta avversaria, la seconda in classifica Orotig Peschiera Ponti, ora distante solo due punti. Aver battuto in casa, le veronesi ha dato molta soddisfazione alle atlete della Serie C. «È stata una gara durissima, ottenuta punto su punto, che dovremo ricordare per i playoff; perché chi la dura la vince». Eloquenti le parole della capitana, che sembra determinata e pronta alle partite che mettono in palio la stagione.
«Ricopro il ruolo di capitano e mi immedesimo nelle mie compagne, specialmente le più giovani, chiedendomi cosa cercavo io nella figura del leader in quella situazione o alla loro età. Cerco di mantenere alta la motivazione ma non sempre è semplice». Inutile girarci intorno, dopo la Coppa Veneto si è percepita una battuta d’arresto; la squadra però si è rialzata ed è tornata a marciare in direzione playoff. «La sconfitta è anche stata la nostra svolta. In quel momento abbiamo capito il nostro valore e dove poter migliorare. Le sconfitta in Coppa e le altre lungo quest’anno sportivo ci hanno dato consapevolezza, sono servite. Ora non ci resta che lavorare con umiltà e guardare avanti».
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy