Mestre, Zironelli: “Grande inizio, ma abbiamo fatto tanto per meritarcelo”

Mestre, Zironelli: “Grande inizio, ma abbiamo fatto tanto per meritarcelo”

Commenta per primo!

«Sottovia s’è sbloccato segnando il primo gol tra i professionisti, ma tutti hanno fatto la loro parte. Quattro punti sono tanti, ma sarebbero stati 6 se col Teramo non avessimo concesso il pari al fotofinish». È un Mauro Zironelli raggiante ma coi piedi per terra quello che si offre ai taccuini dopo il 3-1 in rimonta sul campo dell’AlbinoLeffe: «Un avversario più ostico di quanto non dica il risultato, perché nella prima mezzora con il pressing asfissiante non ci ha consentito di essere precisi negli ultimi 25 metri nonostante le linee di passaggio fossero giuste», è l’analisi dell’allenatore del Mestre. Squadra dai due volti? Forse sì: «I ragazzi sono tornati abbacchiati negli spogliatoi dopo il primo tempo, ma a inizio ripresa con quell’uno-due abbiamo rovesciato l’inerzia chiudendoci bene dietro e proseguendo a proporre belle trame di gioco», spiega il tecnico della neopromossa. Onore al merito dei singoli: «Sottovia ha sparato un missile, la qualità di Zecchin la conosciamo, se ha la porta davanti la piazza fra palo e paletto. Mi sono piaciuti anche Kirwan e Casarotto. Un inizio così da neopromossa è tanta roba ma abbiamo fatto parecchio per meritarcelo». La psicologia, secondo Zironelli, prontissimo al triplice fischio a correre a salutare i tifosi arancioneri sotto la curva sud bergamasca, ha comunque fatto da spartiacque in una partita cruciale: «La prossima è contro il Gubbio, ce la giocheremo come ci siamo giocati questa senza fermarci davanti alle prime difficoltà – chiosa -. Ripeto: abbiamo fatto bene, però nel tunnel mi è toccato rincuorare i giocatori. Invece siamo una buona squadra che ha solo bisogno di essere più precisa nel passaggio smarcante». (Da La Nuova Venezia)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy