Venezia, polemica ultras sulle maglie: “Via quel simbolo”

Venezia, polemica ultras sulle maglie: “Via quel simbolo”

Non è certo partita nel migliore dei modi la stagione del Venezia: ieri l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano del Pordenone (club di serie C), ma sopratutto a tenere banco è la polemica che impazza da qualche giorno sui social, che riguarda la presentazione delle nuove maglie.
Agli ultras (ma sono in tanti tra i tifosi lagunari a condividere la linea di pensiero della curva) non è andata giù la nuova divisa disegnata dalla Nike, non tanto per il “graffio” del leone alato in arancione, nero e verde (vedi foto), quanto per la decisione di spostare al centro il logo della squadra per far spazio alla patch celebrativa per i 110 anni di storia (che saranno festeggiati il prossimo 4 dicembre). Notoriamente per i tifosi l’anno zero del Venezia è il 1987, data che segna la fusione con il Mestre.
«Le nuove divise stagione 2017-2018 sono semplicemente il frutto di un pessimo lavoro estetico, ma soprattutto morale – si legge in un comunicato pubblicato sulla propria pagina Facebook da parte della Curva Sud Venezia Mestre 1987 -. La SUD unita e compatta ripudia quel “11 ” ed onestamente non comprende cosa ma soprattutto chi rappresenta. Credevamo che “l’era Zamparini” fosse morta per sempre! Invitiamo la società a modificare la divisa onde evitare di cominciare la stagione col piede sbagliato, ovvero SENZA il supporto della propria curva, nata (come questa squadra…) nel 1987». «La CURVA SUD comunica che da domattina nessun membro effettuerà l’abbonamento per la nuova stagione, FINCHÉ NON SPARIRÀ quel obbrobrio “110”», hanno aggiunto.
Altra particolarità delle nuove maglie del Venezia è rappresentata dal retro del colletto, in cui è applicata la stilizzazione dei due trofei vinti nella scorsa stagione, il campionato e la Coppa Italia di Lega Pro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy