Padova futuro roseo, Cittadella aria di rivoluzione

Padova futuro roseo, Cittadella aria di rivoluzione

Conduttore della trasmissione Padova Sport, direttore di padovasport.tv

E’ finita con il risultato più scontato, quello che gli allibratori quotavano a pochi spiccioli. Ha vinto la squadra più forte, il Padova, che pure ha giocato peggio dei cugini. Sarà mica l’anno giusto questo? Dove anche le prestazioni così-e-così ci regalano i tre punti? Sembrerebbe… Mai era capitato al Padova di vincere il derby con il Citta senza meritare. E’ il segnale che i biancoscudati viaggiano davvero con il vento a favore. L’eurogol di Bovo ha letteralmente spazzato via le tracce di veleno lasciate dal dopo-Siena, la squadra di Calori è rimasta aggrappata alle parti alte della classifica e sabato il calendario offre un’altra buona opportunità: al Fort Knox Euganeo arriva il Pescara. A proposito di Calori, urge un ripassino in settimana alla retroguardia: è inammissibile assistere a certi svarioni (questa volta ci ha messo lo zampino, anzi il guanto, pure Agliardi). Sabato, oltretutto, tornerà titolare la coppia Cesar-Trevisan, sì proprio quella dell’anno scorso… Stiamo attenti, non facciamoci del male da soli proprio ora che siamo in grado di battere chiunque.

Dispiace per il Cittadella invece. La squadra ha dimostrato di non essere alla deriva, come invece lascia supporre la posizione in classifica. Foscarini ha provato a rimescolare le carte, come spesso usa fare quando i risultati non arrivano, azzeccando l’innesto di De Gasperi (tra i migliori in campo con il Padova). Eppure sembra proprio che l’allenatore trevigiano abbia perso un po’ di autorevolezza all’interno dello spogliatoio. Aldilà delle voci della presunta lite con la star Bellazzini, la lista dei musi lunghi pare sempre più lunga (Perna, Di Roberto, Job…). Motivo per il quale la dirigenza granata starebbe valutando la possibilità di cambiare guida tecnica, se il trend non dovesse variare nelle prossime partite. Questa sera all’Euganeo Nanu Galderisi si è trattenuto a parlare a lungo con Piergiorgio Gabrielli, l’ex stella del Padova è una delle possibili soluzioni. Se le cose dovessero andare male a Foscarini, in lizza ci sarebbe anche il padovano Bellotto (in ottimi rapporti con Marchetti). Staremo a vedere. Certo è che fa un po’ specie vedere il Cittadella ultimo della classe.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy