Un’involuzione che non va sottovalutata

Un’involuzione che non va sottovalutata

Direttore PadovaSport.tv

Commenta per primo!

Fossimo in un campionato normale, senza l’Altovicentino, staremmo qui a parlare di stoffe e broccati, pizzi e merletti. Ma Parlato è stato acuto quando ha parlato di dettagli che faranno la differenza in questa stagione (in realtà come l’anno scorso), un infortunio di troppo, una squalifica, un giocatore in ritardo di condizione possono bastare per perdere magari qualche punto fondamentale. E noi non possiamo, da commentatori, non sottolineare in questo senso la preoccupante involuzione di una squadra che sembra aver perso smalto proprio nel bel mezzo della stagione, e proprio con sfide decisive alle porte (Sacilese sabato e il 4 gennaio lo scontro diretto). Normale viene da pensare, per una squadra costruita ex novo in estate e dopo un avvio sprint (forse anche oltre le aspettative) avvenuto sulle ali dell’entusiasmo e della passione dello straordinario pubblico padovano. Incepparsi in casa contro la Triestina e contro l’ordinata (ma pur sempre modesta) Clodiense ci fa capire però che per competere in questo estenuante testa a testa ci vuole qualcosa in più: il gioco di mister Parlato è oggi facilmente “leggibile”, Cunico è un fuoriclasse per la categoria ma spesso non finisce i 90 minuti, Ferretti deve fare i conti con una certa fragilità, Ilari si è un po’ “seduto”, il gap tra titolari e riserve è enorme (non solo tecnicamente, anche di testa). Parlato ha scelto i suoi uomini, la sua formazione tipo, ma serve adesso dal mercato qualche innesto che consenta all’allenatore maggior scelta. Non dimentichiamo che la promozione in Lega Pro è fondamentale: da quella dipendono le modifiche allo stadio, l’ingresso in un importante sponsor e il mantenimento di questo rapporto idilliaco tra società e pubblico, mai così vicino e mai così grato. L’Altovicentino è un osso duro, ma noi siamo il Padova: qualche piccolo correttivo e tagliare il traguardo per primi, anche allugando la testa all’ultimo centimetro, non sarà impossibile.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy