Cittadella, Marchetti apre al Vicenza: “Ci sono stati contatti, ma devono verificarsi tante condizioni…”

«Non è una questione di categoria, Vicenza è una piazza affascinante che è difficile ignorare anche se rimanesse in Lega Pro. Ho Vicenza nel cuore per quello che ha rappresentato nel calcio italiano non si può rimanere indifferenti al blasone, alla città, allo stadio Menti e ad un tifo meraviglioso. Qualche contatto c’è stato, è vero, ma adesso è troppo presto per poter dire qualcosa e soprattutto qui a Cittadella io sto bene». Così Stefano Marchetti, dg del Cittadella, intervistato da Il Giornale di Vicenza. Come negli anni passati Marchetti mostra apertura verso l’interesse degli altri club, anche se poi, fino adesso, ha sempre prevalso il “richiamo” granata. Tutto chiuso allora? «Diciamo che non dipende solo da me – continua Marchetti – ci sono tante condizioni che si devono verificare, e poi non è il momento… Sia noi che il Vicenza saremo impegnati nei playoff. Di certo – aggiunge Marchetti – non è una questione di soldi, nel senso che non ne abbiamo mai parlato, e in ogni caso non è l’aspetto decisivo che mi farebbe decidere in un senso o nell’altro. Lo ripeto, certe scelte dipendono da tanti fattori». Non dice di più il ds che però rilancia l’argomento playoff: «Sono un campionato a sé, e può accadere di tutto. Ho visto solo qualche partita del Vicenza e penso che se la possa giocare con tutti quanti. Se la squadra trova un filotto di vittorie ed entusiasmo può arrivare fino in fondo. Certo è che chi affronta il Vicenza vuole dare sempre il massimo, corre di più che con altre squadre proprio perchè affronta una squadra che ha un grande passato, una storia». E forse sono proprio questi gli aspetti che Marchetti potrebbe cercare per una prossima sfida da direttore sportivo. Intanto, da Vicenza, viene dato partente l’attuale ds Werner Seeber che non rientrerebbe più nei piani di Renzo Rosso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy