Clamoroso, Renzo Rosso esce allo scoperto: “Salverò il Vicenza e farò un’unica grande squadra con il Bassano”

Sulle colonne de Il Giornale di Vicenza arriva la bomba: Renzo Rosso ha deciso di rilevare il Vicenza Calcio, già fallito. “Mi sento in obbligo di dare una mano a diecimila tifosi e ad un territorio che ha dato tanto a me e alle mie aziende, sento l’orgoglio di poter mettermi a disposizione di una società con 116 anni di storia, del Vicenza che è un patrimonio del calcio nazionale” sono le parole del fondatore del marchio Diesel. “Perchè non ho partecipato a queste due aste? In base alle norme federali – spiega – avendo già il controllo del Bassano Virtus, che milita nello stesso campionato del Vicenza, non potevo partecipare alla gara pubblica, i miei consulenti mi hanno però spiegato che in questa fase, dopo due aste deserte e in assenza di nuovo bando, potevo inserirmi con una proposta di acquisto extra gara”. E il Bassano? “Vicenza e Bassano diventeranno una sola società e la stessa squadra di calcio. Non mi piace che si parli di fusione, ma di alleanza. Nel mio progetto nulla sparisce, nessuno può pensare o permettersi di cancellare e nemmeno offuscare la storia di due club così gloriosi.  Voglio essere chiaro, la nuova squadra godrà del titolo sportivo del Bassano, in pratica giocherà nel campionato dove alla fine sarà iscritta la Virtus, e disputerà le partite casalinghe nel mitico stadio Romeo Menti. Per quanto riguarda la maglia da gioco sarà ovviamente biancorossa, ma metterò al lavoro i miei stilisti e designer di moda, perché studino una casacca dove accanto ai colori del Lane risalti anche l’accento bassanese”. Il modello di riferimento: “Guardo con interesse a gestioni sane e lungimiranti come quelle di diversi club inglesi o della Juventus. Altra società che mi intriga è l’Atalanta, per come ha saputo far interagire settore giovanile e prima squadra”. L’articolo completo sul quotidiano in edicola oggi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy