Stadio, Bonetto ora deve scoprire le carte. Il sindaco Giordani in pressing: “Capisco il momento, ma ci dica che intenzioni ha”

Nuova tappa, forse decisiva, del percorso verso lo stadio nuovo. A Palazzo Moroni è previsto un ulteriore incontro sul futuro dell’Euganeo, al quale prenderanno nuovamente parte Bonetto, Abodi (Presidente del Credito Sportivo), Giordani e Bonavina. Abodi ha studiato a fondo il piano economico-finanziario presentatogli da Bonetto e chiederà a quest’ultimo garanzie sugli investitori. E lo stesso faranno sindaco e assessore, come scrive il Corriere Veneto oggi – ricordandogli inoltre che, ormai da quasi cinque mesi, il Comune sta tenendo in stand-by i due milioni di euro ottenuti dal Ministero dello Sport, attraverso il bando «Sport e periferie», e destinati proprio alla ristrutturazione dell’Euganeo. Soldi a cui Palazzo Moroni è pronto ad aggiungere un milione e 200 mila euro per ricostruire la curva Sud a bordo campo, sopra la pista d’atletica. «Capisco e mi dispiace che Bonetto stia passando un momento di grande difficoltà – premette Giordani – Ma come amministrazione, non abbiamo alcuna voglia di perdere i due milioni di euro dello Stato e nemmeno il milione e 200 mila euro già messi a bilancio. E dunque sarebbe il caso che, a fine campionato, il presidente del Padova ci dicesse che intenzioni ha». Come dire, l’attesa è finita. Fuori le carte, se ci sono.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy