Aperitivo con gli sportivi padovani all’Hotel Biri, le dichiarazioni dei protagonisti

Aperitivo con gli sportivi padovani all’Hotel Biri, le dichiarazioni dei protagonisti

Tutti insieme per un grande evento di fine stagione. PadovaSport, con il patrocinio del Comune di Padova, vuole rendere omaggio a un settore dinamico e ricco di talenti come quello sportivo, che è il tema principale della nostra testata, propaggine padovana de La Gazzetta dello Sport.

Segui in diretta, a partire dalle ore 19, dalla splendide cornice della terrazza dell’Hotel Biri le dichiarazioni rilasciate dai protagonisti dello sport padovano.

Cinzia Rampazzo (assessore allo sport comune di Padova): “Volevo fare un grande in bocca al lupo a tutti gli atleti padovani, sia per chi ha appena concluso la stagione sia per chi è in partenza per Rio dove speriamo di poter sentire tante volte l’inno italiano. Abbiamo grande fiducia in particolare nei nostri Ruggero Pertile e Alessandro Fabian e speriamo al loro ritorno di poterli festeggiare”.

Stefano Marchetti (dg Cittadella): “Ripartiamo la prossima stagione con lo stesso entusiasmo accumulato quest’anno, si alza l’asticella e per questo non sarà un’annata semplice. Partiamo con l’obiettivo di salvarci poi tutto quello che verrà in più sarà tanto di guadagnato. Il nostro segreto? Siamo in un ambiente familiare e così i giocatori riescono a dare il meglio. Alle volte è meglio avere calciatori meno bravi che riescono a esprimersi al cento per cento che giocatori più forti che magari riescono a dare meno”.

Giuseppe Bergamin (presidente Calcio Padova): “Siamo in un periodo di cambiamento, ma il presidente è sempre lo stesso. Vogliamo migliorare rispetto a quello fatto lo scorso anno e per questo abbiamo bisogno di remare tutti insieme dalla stessa parte assieme alla città, ai tifosi e alle istituzioni. Sappiamo che siamo in una categoria difficile, dove c’è un grande dispendio di energie fisiche, economiche e di ogni altro tipo. Abbiamo imparato in questa stagione da alcuni nostri errori e contiamo di migliorare nel prossimo campionato”.

Alessandro Fabian (triatleta) : “Il mio obiettivo è quello di migliorare il decimo posto della scorsa Olimpiade, sempre comunque mettendo il divertimento davanti a tutto perché solo così nella nostra disciplina puoi raggiungere certi obiettivi. Il triathlon è difficile e fidatevi che è dura. Alle volte si pensa che i triatleti siano bravi atleti che magari non eccellono in nessuna disciplina ma vi assicuro che alle Olimpiadi ci sono grandissimi atleti che daranmo tutto per artivare a una medaglia e io spero di essere tra loro. In una gara secca di un giorno tutto può succedere e speriamo che sia una buona giornata per me”.

Ruggero Pertile (maratoneta): “Saranno due mesi intensi e di grande lavoro in vista di Rio. Cercherò di migliorare il mio piazzamento di Londra dove sono arrivato decimo. Una medaglia sarebbe il coronamento di una carriera lunghissima fatta di grande vittorie ma anche di grandi sacrifici. Quest’anno sono 42 anni come i chilometri della maratona, speriamo porti bene e che alla fine possa essere soddisfatto della mia gara. Sarà dura specialmente, ci sono tanti avversari specialmente provenienti dal continente africano ma io so di poter dire la mia e cercherò di fare del mio meglio per avvicinarmi il più possibile a una medaglia”.

Giorgio Zamuner (dg Calcio Padova): “Una bellissima serata, mi farò dare qualche consiglio per fare bene come tutti i campioni qui presenti. Sono orgoglioso di poter lavorare in una piazza come Padova, speriamo che la prossima stagione ci sia qualcosa da festeggiare anche per il Calcio Padova. Riportare il Padova dove merita è un compito non facile ma è una sfida che ho colto al volo perché so di poter fare bene e regalare a tutti i tifosi una grande gioia”.

Attilio Gementi (ds Campodarsego): “Attendiamo domani il Consiglio Federale, attualmente il Campodarsego ha i requisiti per richiedere l’iscrizione in Lega Pro, sarebbe un grande impegno ma allo stesso tempo una grande soddisfazione per una realtà come la nostra”.

Elisa Queirolo (pallanuoto Plebiscito Padova): “Sto pian piano migliorando dopo un infortunio alla retina che mi ha bloccato e spero di recuperare in vista di Rio. Sono felicissima delle mie compagne che hanno portato a casa il secondo Scudetto, ne vorrei di più in nazionale con me ma non sono io a fare le scelte”.

Stefano Posterivo (allenatore Plebiscito Padova): “Una grande soddisfazione essere ancora campioni d’Italia. Tre finali in tre anni di cui due vinte ci riempiono d’orgoglio e ci ripagano di tutti i sacrifici che facciamo tutti i giorni. Siamo un gruppo unito e si vede dentro e fuori dal campo”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy