Altro esame di toscano per le padovane

Altro esame di toscano per le padovane

Domani settimo turno di ritorno, col San Paolo che ospiterà  il Santa Croce e l’Este che attende il Ravenna.

Commenta per primo!

A tre settimane di distanza dall’ultima apparizione, Este e San Paolo torneranno domani a calcare i terreni di casa nella settima giornata di ritorno del girone D.

Nonostante le avversarie di giornata militino nei bassifondi della classifica, entrambe le sfide presentano numerose insidie per le padovane e, giunti a quasi due terzi del campionato, i punti in palio cominciano a valere doppio.

Sarà certamente animato da una gran voglia di riscatto il San Paolo, dopo la rocambolesca sconfitta patita in rimonta e in diretta tv, domenica scorsa, a Pistoia. Pur giocando un gran bel calcio, infatti, ancora una volta i gialloblù hanno dimostrato di avere difficoltà di tenuta nei momenti clou e, nonostante il doppio vantaggio, hanno permesso agli arancioni di sorpassarli per 3-2. Uno stop che, oltre a quello psicologico, ha avuto come effetto concreto quello di vedersi agganciati al quinto posto dal Mezzolara di Fabio Bazzani.

Parlerà toscano anche l’undici che scenderà domani al Plebiscito, il Pelli Santa Croce (arbitro Conforti di Salerno). Ben diverso è però lo spessore tecnico dei pisani, che al contrario dei redivivi pistoiesi, occupano ormai stabilmente una delle due posizioni che condannano alla retrocessione diretta e nelle ultime 4 gare hanno raccolto solo tre punti, frutto di altrettanti pareggi.

Ghiotta è quindi l’occasione per i patavini, cui mancherà ancora Rosiglioni, per riprendere confidenza coi tre punti e confermare il piazzamento in zona playoff.

Cercherà conferme importanti anche l’Este, che ospiterà un Ravenna in gravissima crisi societaria (arbitro Capilungo di Lecce). Gli atestini andranno a caccia innanzitutto di punti, per difendere il primato in classifica e per cautelarsi in vista di possibili penalizzazioni che potrebbero arrivare dopo che le dirette concorrenti Vecomp e Castelfranco hanno presentato un esposto alla Procura Federale (non potendosi appellare al giudice sportivo per decorrenza dei termini) in merito all’utilizzo nelle prime cinque giornate di Aliberti, col difensore che risultava però ancora tesserato col Venezia.

Ma proprio per dimostrare – parole del ds Tognon, squalificato per due turni dopo l’espulsione rimediata a Campi Bisenzio – «Che noi il campionato vogliamo vincerlo sul campo e non con le carte bollate», i giallorossi in settimana hanno tesserato il centrocampista Mattia Turetta, un passato tra i professionisti con all’attivo anche una stagione in B nel Sassuolo, l’anno scorso in forza al SandonàJesolo.

Oltre che una vittoria, i giallorossi cercheranno anche conferme sulla ritrovata freschezza atletica, messa però duramente alla prova dai numerosi infortuni che hanno colpito i vari Aliu, Sottovia, South e Asti Brun. Ben più seri sono i problemi che attanagliano il Ravenna, la cui sopravvivenza come società è messa gravemente in pericolo in questi giorni da serissime difficoltà economiche che hanno indotto il presidente Aletti ad abbandonare il sodalizio romagnolo, ora autogestito da volontari e tecnici, tra cui mister Giorgetti, che per giunta, sul fronte della squadra, domani dovrà rinunciare agli squalificati Shiba, Alpi, Ziino e Giuriola.

Assenze di peso per un team che, complice anche il rinvio per neve di domenica scorsa, è precipitato in zona playout.

Questo il quadro completo del ventiseiesimo turno: Bagnolese-Castelfranco, Forcoli-Pistoiese, Sestese-Villafranca, Mezzolara-Forlì, Scandicci-Tuttocuoio, Cerea-Lanciotto, Virtus Vecomp-Pavullese, Camaiore-Rosignano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy