Belluno, Vecchiato: “Attenzione e cattiveria, così abbiamo battuto i big dell’Altovicentino”

Belluno, Vecchiato: “Attenzione e cattiveria, così abbiamo battuto i big dell’Altovicentino”

Attenzione e cattiveria l’ingrediente vincente. Il Belluno contro l’Altovicentino conquista una vittoria importante non solo per la classifica, ma anche per il morale. Mister Vecchiato non può che essere entusiasta del match giocato dai suoi ragazzi e indica i fattori che hanno fatto la differenza contro la seconda della classe: «A livello tecnico e di gioco abbiamo fatto partite anche migliori», spiega l’allenatore del Belluno, «a fare la differenza sono state l’attenzione e la cattiveria messa in campo. La squadra ha dato tutto a livello di spirito e questi tre punti ce li meritavamo tutti». Chi è venuto al Polisportivo ha visto una gran Belluno, dopo un periodo un po’ sfortunato, quella che non si è proprio vista è la squadra del presidente Dalle Rive: «L’Altovicentino è forte in tutti i reparti», continua Vecchiato, «siamo stati bravi a mettere la partita sul piano del ritmo e abbiamo portato a casa la vittoria. In queste ultime settimane abbiamo pagato oltre le nostre colpe, ci sono stati alcuni episodi strani, ma in quasi due anni questa squadra ha dimostrato di non essere mai molle. Da allenatore ho scoperto che se non c’è equilibrio sei morto. Oggi (ieri ndr) i ragazzi si meritano tanti applausi». Radrezza dal primo minuto, dopo i guai muscolari delle ultime settimane : «Ho deciso di far giocare chi stava meglio e tra Masoch e “Radre” ho scelto quest’ultimo: dopo tanta sfortuna meritava questo gol. Punto ancora su di lui il prossimo anno? Assolutamente si, su di lui e su tutti i miei ragazzi. Dopo gli infortuni di D’Incà e Pellicanò, e la cessione di Samba, ci siamo dovuti arrangiare in qualche modo. Contro l’Altovicentino ho fatto giocare Pescosta fuori ruolo e ha fatto bene, sapevo che avremmo perso qualcosa nel palleggio, ma abbiamo guadagnato sulla percussione». Pellicanò ha ricominciato a correre: «Durante il riscaldamento Paolo ha corso, se in settimana riuscirà a lavorare con continuità potrebbe esserci per la trasferta contro il Kras Repen. Masoch? Deve convivere con il dolore, dovrà tenere duro»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy