Calcioscommesse: puniti Luparense e Matteini

Calcioscommesse: puniti Luparense e Matteini

Ci sono anche dei risvolti padovani nella sentenza emessa oggi dal Tribunale Federale della Federcalcio, in relazione all’inchiesta “dirty soccer” sul calcioscommesse. 

I giudici hanno infatti usato la mano pesante nei confronti di Davide Matteini, attaccante in forza lo scorso anno all’Atletico San Paolo e in passato protagonista anche in maglia biancoscudata. Il coinvolgimento diretto nelle combine (secondo gli inquirenti si è adoperato in prima persona per “addomesticare” Savona-Teramo, nda), gli è infatti costato una squalifica in primo grado a 3 anni e 6 mesi, più una multa di 60mila euro.

Per responsabilità oggettiva – essendo lo stesso Matteini tesserato all’epoca dei fatti con la società patavina – è stato inoltre comminato un punto di penalizzazione all’Atletico San Paolo, sodalizio ora non più esistente in quanto confluito nella nuova Luparense San Paolo, appena ripescata in serie D.

Salvo ricorsi da presentare a stretto giro di posta (i processi d’appello sono previsti tra una decina di giorni), i “Lupi” di patron Zarattini partiranno quindi con un piccolo handicap nella nuova avventura in quarta serie.

Un anno e sei mesi di squalifica anche per Emanuele Marzocchi, protagonista di una fugace apparizione con la maglia della Thermal Abano, nella seconda parte della scorsa stagione. In questo caso, però, il sodalizio termale non è stato a sua volta punito per responsabilità oggettiva, in quanto la partita che si ritiene Marzocchi abbia truccato risale ad un periodo in cui il mediano era ancora tesserato coi campani della Puteolana. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy