Campodarsego-Luparense, alleanza anti Venezia

Campodarsego-Luparense, alleanza anti Venezia

Commenta per primo!

Giornata molto delicata, la quinta di ritorno, quella che proporrà domani il girone C di serie D. Vedrà coinvolte ben tre squadre padovane la lotta per il primato, con alcuni acquisti di rilievo che potrebbero finire per spezzare l’equilibrio in vetta. Ma grande importanza avranno i punti in palio, anche per la metà inferiore della graduatoria.

Se l’appetito vien mangiando, una volta iniziata l’abbuffata sarebbe brutto fermarsi prima del dolce.
Deve aver pensato questo la dirigenza del Campodarsego che, riconquistata la vetta domenica scorsa grazie al blitz di Trieste e al contemporaneo stop del Venezia, ospiterà domani il Dro.
In settimana, il presidente Pagin ha infatti rinforzato la rosa biancorossa con due acquisti di spessore quali il giovane difensore Bortot dal Bassano (al posto di Dell’Andrea, il cui trasferimento dal Padova era sfumato per motivi burocratici) e il furetto Giampietro Zecchin, indimenticato ex biancoscudato, svincolato dopo la scomparsa del Varese. Il messaggio sembra chiaro: siamo neopromossi, siamo la rivelazione del torneo e a questo punto ce la vogliamo giocare fino in fondo.
Per mantenere la testa del girone, bisognerà metterci la… testa ogni domenica, in quanto come ricorda mister Andreucci, chi affronta la capolista lo fa con motivazioni doppie. Occhio perciò al Dro, che dopo aver fermato domenica scorsa la Luparense, si presenterà al “Gabbiano” con l’obiettivo di portare a casa punti importantissimi in chiave salvezza. Non saranno della gara il difensore Gal tra i locali, Ballarini e mister Soave nelle fila trentine, tutti squalificati dal giudice sportivo.

Al termine del proprio match, probabilmente il primo risultato di cui chiederanno notizie a Campodarsego è quello tra Luparense San Paolo e Venezia. Partita importantissima, quella del “Gianni Casee”, alla quale gli arancioneroverdi arriveranno coi postumi della sconfitta patita a Verona, che ha interrotto un filotto di sei successi consecutivi e, oltre al sorpasso in classifica ad opera del Campodarsego, ha lasciato anche strascichi disciplinari, tanto che ai tifosi lagunari è stata vietata la trasferta nell’Alta padovana.
Il valore dell’undici veneziano resta comunque di primissimo livello, come ben sa il rientrante da squalifica mister Cunico, ex timoniere proprio del Venezia. Il tecnico dei “Lupi”, avrà a disposizione sia capitan Beccaro, che ha scontato il turno di stop, sia il neoacquisto Filippo Pittarello, attaccante prelevato dal Padova. L’obiettivo, per i rossoblù, è di vendicare lo 0-4 subito all’andata e di raccogliere punti in casa, fondamentali per mettere ulteriore distanza tra sé e una zona playout che resta ancora troppo vicina.

Incontro di elevato spessore tecnico è anche quello che si disputerà a Mogliano Veneto, tra Mestre ed Este.
I giallorossi, terza forza del campionato ed unici inseguitori della coppia di testa, vogliono portare a quattro le vittorie consecutive e migliorare il loro rendimento esterno, per rimanere in scia alle battistrada. Di fronte, troveranno però un undici dalla classifica bugiarda (gli arancioni sono ottavi con 31 punti, 15 in meno degli atestini, nda), costruito per ambire a ben altri traguardi e che l’arrivo in panchina di mister Tiozzo ha parzialmente rivitalizzato.
Ai veneziani mancheranno gli squalificati Niero, Zanette e Casarotto ma la sconfitta patita all’andata sarà certamente un grosso stimolo per cercare di mettere in difficoltà un’Este che ad inizio stagione nessuno avrebbe pronosticato così in alto, a questo punto del torneo.

Gara dall’esito tutt’altro che scontato sarà, infine, anche quella che vedrà l’Abano ospitare il Monfalcone.
I neroverdi, rinvigoriti dalla cura Zeman, da quando è iniziato il girone di ritorno conoscono solo la vittoria e non vogliono fermare la loro marcia vincente, che li ha portati ad occupare una più tranquilla posizione di metà classifica, dopo lo stentato avvio di campionato.
Di fronte, gli aponensi avranno però un Monfalcone che pur avendo vinto una sola volta in trasferta, sul terreno della cenerentola Sacilese, hanno dimostrato domenica di non meritare il penultimo posto e di voler lottare fino all’ultimo per la salvezza, imponendosi sul Montebelluna con un pirotecnico 4-3.
Particolare attenzione, i neroverdi dovranno riservarla alla coppia d’attacco composta dai sempreverdi e sempre pericolosi Godeas e Zubin, cui mister Zeman spera di poter opporre la vena realizzativa dei vari Pepe, Fusciello e Gnago, sempre a segno nelle ultime uscite.

Questo il quadro completo della ventiquattresima giornata (ore 14.30):

Meste-Este arbitro Cosso di Reggio Calabria
Abano-Monfalcone arbitro Grasso di Acireale
Montebelluna-Belluno
Calvi Noale-Sacilese
Campodarsego-Dro arbitro Catucci di Pesaro
Fontanafredda-Ripa Fenadora
Levico-Triestina
Liventina-Virtus Vecomp
Luparense San Paolo-Venezia arbitro Severino di Campobasso
Tamai-Giorgione

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy