Ecco Gasparello, la settima freccia giallorossa

Ecco Gasparello, la settima freccia giallorossa

L’Este rinforza il reparto offensivo ingaggiando l’ex professionista.

Commenta per primo!

Da reparto più sguarnito a più affollato. L’attacco dell’Este ha da oggi la settima freccia al suo arco: un dardo di prestigio, tra l’altro, visto che di nome fa Guerrino e di cognome Gasparello, punta di razza con un lungo passato tra i professionisti.

«Tornare in serie D dopo quasi 10 anni non è un problema – attacca il bomber di Conselve – Anche se in generale il livello dei campionati si è abbassato, resta un torneo difficile perché a ogni livello bisogna sapersi calare nella categoria per far bene. La trattativa con l’Este è stata breve, abbiamo trovato l’accordo con facilità; da più anziano del gruppo spero di dare una mano ai più giovani ma ho trovato una squadra già ben amalgamata, che crea molto e ha solo alcune difficoltà in fase di finalizzazione».

Quanto alla condizione, l’ex di Pro Patria, Padova, San Marino e Bassano ammette di non avere i 90’ nelle gambe, nonostante la preparazione estiva svolta con l’Adriese «Ma mi metterò comunque a disposizione del mister e dei compagni», chiosa con l’umiltà che ci si aspetterebbe da un debuttante diciottenne.

Sarà sicuramente felice di avere problemi di abbondanza mister Zattarin, che nell’attesa di poter disporre del nuovo arrivo, si gode il penultimo, quel Kevin Lasagna autore di due reti nei primi due match disputati in maglia giallorossa, l’ultima delle quali ha consentito agli atestini di espugnare il “Rocco” di Trieste.

«In terra friulana sembravamo scolari in gita – racconta col sorriso l’ex Cerea – Ma eravamo partiti con l’intenzione di provare a vincere e ce l’abbiamo fatta. Il corteggiamento con l’Este è iniziato a maggio, qui ho trovato un ottimo gruppo, in attacco c’è una bella concorrenza ma ciò rende il tutto ancora più stimolante perché tutti sono portati a dare sempre il massimo».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy