Este e San Paolo, frenate indolori

Este e San Paolo, frenate indolori

I giallorossi vengono travolti per 4-2 dal Rovigo, mentre i patavini non vanno oltre lo 0-0 col Chioggia.

ESTE-ROVIGO 2-4

ESTE: Rossetto, Moroni (11’ st South), Salvato, Rubbo, Meneghello, Colman Castro, Gusella (11’ st Agostini), Bedin, Carani (41’ st Asti Brun), Rondon, Moresco. A disp: Ferrari, Trovò, Michelotto, Iachemet. Allenatore: Zattarin.

ROVIGO: Covi, Elitro, Carofiglio (26’ pt Veronese), Barbi, Niccolini, Ruopolo, Dionisi, Stentardo, Zanardo, Furlanetto (41’ st Boniardi), Doukara. A disp: Mantovani, Bernardi, Rapella, Ezzaari, Cazzadore. Allenatore: Parlato.

ARBITRO: Robilotta di Sala Consilina.

RETI: 20’ pt Carani (E), 34’ pt Elitro (R), 10’ st Stentardo (R), 30’ st Moresco (E), 31’ st Doukara (R), 40’ Zanardo (R).

NOTE: ammoniti Zanardo, Niccolini, Furlanetto, Veronese (R), South, Agostini, Meneghello (E). Spettatori 500 circa.

Gol e spettacolo tra Este e Rovigo, che danno vita ad una partita intensa, nella quale alla fine sono gli ospiti a prevalere con uno spettacolare 2-4 in rimonta. Dopo una serie di conclusioni senza esito, la prima vera occasione per portarsi in vantaggio è dei padroni di casa: al 17’ su corner da sinistra di Rondon, Meneghello stacca a centro area e di testa coglie in pieno la traversa. La pressione dei giallorossi si concretizza al 20’, quando un tiraccio di Bedin da 25 metri diventa un assist per Carani, il quale supera in velocità il diretto marcatore e insacca in diagonale di piatto.

Il Rovigo avrebbe la possibilità di pareggiare già un minuto dopo ma l’arbitro, anziché assegnare il rigore per un atterramento di Zanardo in area, ammonisce per simulazione l’attaccante polesano. Gli atestini premono e con una punizione bomba di Moresco dal limite sfiorano il raddoppio ma dopo due provvidenziali salvataggi di Meneghello nel giro di un minuto (prima rinvia sulla linea e poi contrasta Zanardo lanciato a rete) è il Rovigo a pareggiare al 34’: su angolo di Furlanetto, il diagonale senza pretese di Elitro dal limite passa tra una selva di gambe e si insacca.

Nella ripresa la gara cambia volto, soprattutto a causa dell’evidente calo fisico dei padroni di casa. Al 10’ sono infatti gli ospiti a portarsi in vantaggio grazie alla spettacolare rovesciata di Stentardo a centro area su cross da destra di Zanardo. I rodigini potrebbero fare tris 4’ dopo su azione fotocopia, ma ancora Stentardo da dentro l’area sfiora l’incrocio dei pali su lancio del solito Zanardo.

L’Este però non molla e al 30’ ristabilisce la parità: traversone da metà campo di South e Moresco di testa insacca la sua sedicesima rete stagionale. Nemmeno il tempo di rimettere palla al centro e sul ribaltamento di fronte, Doukara insacca di prepotenza da due passi. Il sigillo finale sul match arriva al 40’, al termine di una pregevole azione tutta di prima, conclusa con un assist di Doukara per l’accorrente Zanardo che di piatto insacca alle spalle di Rossetto il 2-4 finale, che sancisce di fatto la salvezza per entrambe, lasciando contemporaneamente aperto ancora un piccolissimo spiraglio in ottica playoff.

Non chiude definitivamente la pratica qualificazione alla post season nemmeno il San Paolo, che facendosi fermare sullo 0-0 casalingo dal Chioggia, non approfitta della sconfitta del Tamai a Venezia. Per il team di Gianfranco Fonti, comunque, resta un confortante +4 da difendere nelle ultime tre gare in programma da qui all’8 maggio.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy