Este e San Paolo: niente “scherzetti”!

Este e San Paolo: niente “scherzetti”!

Scontro al vertice per i giallorossi a Cerea, mentre i patavini ospiteranno il Ravenna, nobile decaduta in grossa crisi.

Commenta per primo!

Sono solo 40 i chilometri che separano Cerea da Este. Un tragitto breve, che domani verrà probabilmente percorso da molti supporter giallorossi e da tanti altri semplici appassionati. Nella bassa veronese è infatti in programma il big match (arbitro Giua di Pisa) del girone D di serie D e proprio la vicinanza tra i due paesi fa supporre che il pubblico sarà quello delle grandi occasioni. Solo tre i punti che separano la matricola veronese – vera sorpresa di questo inizio di torneo- dalla capolista atestina, fin qui rullo compressore imbattuto, col miglior attacco del raggruppamento e un solo gol al passivo. I granata, che nel 2012 vorrebbero celebrare nel migliore dei modi il centesimo compleanno, cercheranno dunque l’aggancio, mentre i padovani vogliono mantenere le distanze e possibilmente incrementarle nuovamente, dopo la lieve frenata imposta loro dal Tuttocuoio, che domenica scorsa ha imposto lo 0-0 a Moresco e compagni.

Proprio lo stabile ritorno del bomber vicentino nel novero dei disponibili, unitamente alla fine della squalifica del portiere Fantin, è notizia confortante per mister Zattarin, il quale in compenso dovrà probabilmente ancora fare a meno di Aliberti in difesa e Rubbo in mediana. Tra i veronesi di mister Boron, reduci dal successo a Scandicci, da tenere particolarmente d’occhio saranno i vari Brighenti, Dal Corso e Moretto, quest’ultimo già a quota 5 in classifica marcatori.

Dovrà invece evitare altri scherzetti, nonostante il periodo di Halloween, il San Paolo, che nel momento forse più difficile da quando milita in questa categoria, troverà sulla già impervia strada verso la risalita, una corazzata in grossa crisi qual è il Ravenna.

Al “Plebiscito” (arbitro Di Stefano di Brindisi) si affronteranno due squadre reduci da una sconfitta e, in generale, da un periodo molto negativo, che sembra aver già bocciato gli obiettivi dichiarati ad inizio stagione. I romagnoli, accreditati come una delle favorite per il salto di categoria dopo la retrocessione dalla Lega Pro in seguito allo scandalo scommesse, occupano la terzultima piazza con 9 punti e finora hanno vinto una sola volta. In più, mister Giorgetti dovrà rinunciare a Quintavalla, squalificato. I san paolini, invece, sono ancora alle prese con gli infortuni che hanno falcidiato alcuni tra gli elementi di maggior caratura della rosa, imprevisto che ha costretto mister Fonti a dar spazio a tanti giovani, volenterosi fin che si vuole ma in evidente difficoltà nell’affrontare per la prima volta questo campionato.

Contro i giallorossi, dovrebbe trovare nuovamente posto dal primo minuto Lucchini, seppure non ancora al top della condizione, e il tecnico patavino riavrà a disposizione anche Lestani, mentre restano out i lungodegenti Nicoletti e Bonato. «La classifica da sistemare è il nostro stimolo primario – ha dichiarato in settimana mister Fonti – Non stiamo raccogliendo quanto seminiamo, ma la ruota prima o poi girerà anche per noi».

Le altre partite del decimo turno (ore 14.30): Bagnolese-Pelli Santa Croce, Camaiore-Villafranca, Forcoli-Campi Bisenzio, Forlì-Tuttocuoio, Mezzolara-Pistoiese, Rosignano-Castelfranco, Sestese-Pavullese, Virtus Vecomp-Scandicci.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy