Este ferito da due botti del Montebelluna

Este ferito da due botti del Montebelluna

Prova opaca dei giallorossi, che cedono in casa per 2-1 nel recupero del diciasettesimo turno. Ora la zona playout dista solo 2 lunghezze.

Commenta per primo!

Si chiude nel peggiore dei modi il 2010 dell’Este, battuto in casa per 2-1 dal Montebelluna nel recupero del diciassettesimo ed ultimo turno del girone d’andata. I trevigiani allenati da Cristiano Masitto sono apparsi decisamente più pimpanti rispetto ai giallorossi, la cui scialba prestazione può essere solo in parte giustificata dalle assenze degli squalificati Rondon e Moroni, oltre che di Colman, tornato in Paraguay per le ferie.

I “coreani” si portano in vantaggio al 22’, con De Freitas che dalla sinistra crossa per Gazzola, abile nell’insaccare in tuffo alle spalle di Rosellini. Lo svantaggio fa mancare la terra sotto i piedi all’Este, che si sveglia solo sul finire della frazione, quando capitan Agostini getta alle ortiche due palle gol nel giro di pochi minuti. “Ago” avrebbe un’occasione ancora più limpida alla mezzora della ripresa, ma sulla ribattuta corta del portiere su tiro di Carraro, l’attaccante rodigino coglie in pieno la traversa a porta vuota. Al 38’ la scena si ripete a parti invertite, con De Freitas che tutto solo davanti a Rosellini, calcia a lato.

Un minuto dopo, i padroni di casa avrebbero la possibilità di pareggiare: sul rigore concesso per atterramento di Rubbo da parte di Catalano, è bravo Rebellato a respingere l’incerta conclusione centrale di Carraro. Il sigillo sulla gara lo mette De Freitas (secondo radiomercato, già comprato dal Venezia, ndr) allo scadere, siglando il 2-0. Il punto della bandiera segnato da Moresco in pieno recupero, rende meno pesante il passivo ma certo non meno amara la sconfitta.

Finora il Montebelluna non aveva mai vinto in trasferta e lontano dal “San Vigilio” aveva realizzato solo 2 gol: merito dei trevigiani, ma l’impresa odierna è stata senza dubbio agevolata anche dalla prova incolore dell’Este, da cui dirigenza e tifosi si aspettavano molto di più, visto che in palio c’erano 3 punti che sarebbero stati fondamentali in vista di una possibile risalita della classifica.

Invece, gli atestini si ritrovano ora con 2 sole lunghezze di vantaggio sui playout e alla ripresa del campionato, il 5 gennaio, sono attesi dalla trasferta “slovena” a Monrupino, uno scontro diretto in casa di quel Kras Repen che all’andata violò da assoluta debuttante il campo di via Monte Cero.

ESTE: RosellinI; Barison, Gusella, Meneghello (20’ st Marchetti), Salvato; Carraro, Michelotto (1’ st Carani), Rubbo; Iachemet (28’ st Trovò); Agostini, Moresco. Allenatore: Zattarin.

MONTEBELLUNA: Rebellato; De Biasi, Gabrielli, Lanzara, Trombin (1’ st Gemo); Bressan, Nobile (31’ st Caldarola), Marangon (20’ st Camozzato), Gazzola, Catalano; De Freitas. Allenatore: Masitto.

ARBITRO: Vaccher di Pordenone.

RETI: 22’ pt Gazzola (M), 45’ st De Freitas (M), 46’ st Moresco (E).

NOTE: espulsi Salvato (E) al 42’ st per somma di ammonizioni, Marchetti (E) al 48’ st per gioco falloso, mister Masitto (M)al 44’ st per proteste. Ammoniti Barison, Carani (E), Nobile, Catalano, Caldarola, Lanzara (M).

Altri risultati dei recuperi: Sandonàjesolo-Belluno 3-0, Opitergina-Chioggia 2-1.

 

Classifica del girone C al termine del girone d’andata: Treviso e Venezia 34, Rovigo 31, Tamai 30, Sandonàjesolo 29, Sanvitese 27, Chioggia 26, Pordenone e San Paolo 25, Union Quinto 23, Este 20, Kras Repen e Opitergina 18, Montebelluna 17, Concordia e Montecchio 15, Torviscosa 13, Belluno 12.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy