Il derby è servito: alle 13 c’è Abano-Este (anche in diretta tv)

Il derby è servito: alle 13 c’è Abano-Este (anche in diretta tv)

Commenta per primo!

Non bastava il successivo turno infrasettimanale a scombinare i piani delle squadre padovane inserite nel girone D. Ci si mette anche mamma Rai coi suoi anticipi ad orari improbabili. E così l’undicesima giornata si aprirà già domani, all’ora di pranzo, con uno dei big match nonché derby. Per proseguire poi domenica, con altre due sfide molto importanti in chiave salvezza.

ABANO-ESTE. Le 13 del sabato sono più orario da pranzo in famiglia che da appuntamento allo stadio, siamo d’accordo. Ma per assistere allo scontro tra le due formazioni della nostra provincia che meglio stanno interpretando questa prima parte di stagione, un sacrificio per una volta si può fare. Armiamoci quindi di panino o di telecomando – visto che la gara andrà in diretta su Rai Sport – e vediamo chi la spunterà tra due delle migliori difese del girone ma anche tra due team complementari tra loro.

Se l’Abano può infatti contare su un tridente offensivo omogeneo ed incisivo, all’Este – ancora orfano di Bonazzoli – manca proprio l’apporto del reparto avanzato per spiccare definitivamente il volo. D’altro canto, i giallorossi possono fare affidamento su un centrocampo eccezionale, che col rientro di Tessari dopo lunga malattia è diventato il migliore del raggruppamento, mentre gli aponensi proprio in mediana hanno dimostrato di avere i più ampi margini di miglioramento. Sei i punti che dividono le contendenti in classifica, con gli atestini che vogliono replicare il blitz di domenica scorsa a Fiorenzuola per issarsi nuovamente in testa (in attesa dell’altro big match tra Piacenza e Rimini) e i padroni di casa che devono riallacciare il feeling con la vittoria per mantenersi nei quartieri alti, dopo due pari e un sonoro ko ad Imola.

Sarà costretta a ritardare il pranzo anche Valentina Garoffolo di Vibo Valentia, arbitro designato della gara.

SAN PAOLO-CORREGGESE. Neanche il tempo di piangersi addosso per le occasioni sprecate nel derby di domenica scorsa in casa del Thermal, che l’Atletico si trova a fronteggiare l’ennesima big del girone.

I reggiani, quinti con 17 punti, scenderanno al “Plebiscito” (che per un paio di giornate tornerà ad essere la casa dei gialloblù) con l’obiettivo di portarsi a casa l’intera posta in palio, per avvicinarsi ulteriormente alla vetta, portando a tre la serie di vittorie consecutive. Un gruppo molto solido, quello guidato in campo dall’ex biancoscudato Perna e dal temibile trio offensivo Grandolfo-Ferrari-Chiurato, cui mancherà lo squalificato Bertoli.

Appiedato dal giudice sportivo anche il capitano san paolino Caco, con mister Longhi che dovrà inventarsi qualcosa per rinforzare la mediana, onde evitare un altro rovescio come quelli subiti ad opera delle altre corazzate Delta, Piacenza e Rimini, tutte rientrate da Padova con 3 o 4 reti all’attivo. Le speranze patavine di fare punti, onde evitare di trovarsi ultimi in classifica, sono affidate all’esperienza della coppia d’attacco Matteini-Sedivec, ancora alla ricerca della migliore intesa. Arbitrerà Didu di Jesi. 

ROMAGNA CENTRO-THERMAL ABANO. Alla ricerca di un successo esterno che manca dallo scorso campionato, la Thermal potrebbe approfittare dello stordimento dei cesenati, che domenica hanno peggiorato il proprio record di gol incassati in trasferta, beccandone 8 a Porto Tolle. Proprio in quest’ottica è da leggere l’ingaggio, comunicato in settimana, dell’esperto difensore Scugugia, ex (tra le tante maglie indossate) dei cugini del Cesena.

Curioso notare come un match che sei mesi fa valeva un posto nei playoff, ora profuma di lotta salvezza, visto che i romagnoli sono penultimi e i termali quintultimi, ma distanziati da un solo punto. Per l’undici di Bisioli, che nell’ultima uscita contro il San Paolo ha mostrato una preoccupante opacità offensiva, quella del “Manuzzi” potrebbe essere l’occasione buona  per tornare a incamerare tre punti lontani da Monteortone, con un occhio sempre ben fisso però sull’italo-albanese Gavoci, elemento più pericoloso del Romagna. Arbitrerà Sangregorio di L’Aquila.

Queste le altre partite dell’undicesima giornata: Mezzolara-Scandicci (domani, ore 14.30), Ribelle-Jolly Montemurlo, Piacenza-Rimini, Bellaria-Fiorenzuola, Virtus Castelfranco-Imolese, Fortis Juventus-Formigine, Fidenza-Delta Porto Tolle.

Ricordiamo che il prossimo turno si giocherà mercoledì 12, sempre con inizio alle 14.30. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy