Il doppio salto di Kevin, bomber velocista

Il doppio salto di Kevin, bomber velocista

Lasagna, 21 gol con l’Este, ha firmato un triennale col Carpi in serie B.

Non più tardi di un anno fa, Kevin Lasagna era un attaccante di belle speranze che dopo un buon campionato con la maglia del Cerea, cullava il sogno di potersi giocare le proprie chance in Lega Pro vestendo i colori della Virtus Vecomp Verona, con la quale stava sostenendo la preparazione estiva. Sul finire dell’estate, i rossoblù scaligeri abbastanza sorprendentemente lo “tagliarono” e così Kevin fu costretto a trovare in tutta fretta una sistemazione alternativa.

Il ragazzo di San Benedetto Po approdò quindi ad Este, trovando nel mister giallorosso Zattarin un grande estimatore.

Oggi, dopo una stagione impreziosita da 21 reti e che ne ha messo in luce le doti atletiche (impressionante la sua velocità in progressione!), il timido Kevin – faccia da bravo ragazzo e 22 anni da compiere il prossimo 10 agosto – si è preso una bella rivincita su coloro che l’anno scorso non hanno creduto in lui, compiendo addirittura un doppio salto in avanti e firmando un triennale col Carpi, in serie B.

Nonostante sul bomber mantovano avessero messo gli occhi da molti mesi parecchie formazioni di Lega Pro – Bassano e Real Vicenza su tutte – è stato il ds carpigiano Giuntoli il più abile nell’accaparrarsi un giovane di sicuro talento, che alle doti tecniche unisce la testa e che potrebbe essere la freccia a sorpresa nell’arco a disposizione del neo mister biancorosso, Fabrizio Castori.

Comprensibile la soddisfazione espressa dalla dirigenza atestina, conscia di aver contribuito alla valorizzazione dell’ennesimo talento transitato all’ombra della Porta Vecchia. Per il team giallorosso, d’altro canto, c’è però anche la consapevolezza che il vuoto lasciato da Lasagna al centro dell’attacco non sarà facile da colmare e costituisce una delle priorità in queste settimane, nel corso delle quali si sta assistendo al consueto ribaltone estivo della rosa.

Se dalla mediana in giù lo scacchiere che sarà gestito ancora dal confermato tecnico Zattarin vede quasi tutti i pezzi al loro posto, è proprio il reparto offensivo quello con più punti di domanda. Ingaggiato dal Giorgione il portiere Lorello – una certezza tra i pali – e puntellata la difesa con gli arrivi di Di Bari e del brasiliano Thulao, che vanno ad affiancare i confermati Meneghello e Favaro, dovendo però sostituire due colonne quali Colman Castro e Thomassen (finiti rispettivamente ad Adria e Campodarsego), anche la costruzione del centrocampo è a buon punto, viste le conferme di Mario, Rubbo e Lelj, col ritorno di Rondon a fare da ciliegina sulla torta.

Davanti le uniche certezze riguardano invece gli addii: oltre a Lasagna, infatti, hanno lasciato Este anche Mazzeo e Dallavalle, mentre c’è ancora qualche possibilità di trattenere Iarrusso. Sulle punte e sugli under si concentrerà quindi il mercato giallorosso in questi giorni, in vista del raduno fissato tra 15 giorni. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy