Finale Este-Belluno 0-1 (69′ Corbanese). Mister Pagan annuncia l’addio

Finale Este-Belluno 0-1 (69′ Corbanese). Mister Pagan annuncia l’addio

Commenta per primo!

ESTE: Lorello, Tiozzo, Montin, Guagnetti, Rosina (36′ st Arvia), Busetto (30′ st Coraini), Maldonado, Caporali, Mastroianni, Ferrara, Marcandella. A disp: Corsato, Colombara, Canton, Destro, Favre, Favaro Niselli. Allenatore: Pagan.
BELLUNO: Solagna, Sommacal, Pellicanò, Masoch, Franchetto, Calcagnotto, Pescosta (45′ st Quarzago), Bertagno, Corbanese, Miniati, Mosca (42′ st Salvadego). A disp: Brino, Doriguzzi, Dosso, Da Forno, D’Incà, Marta. Allenatore: Vecchiato.
ARBITRO: Raciti di Acireale (Cortinovis, Montuori).
RETE: 24′ st Corbanese (B)
NOTE: Ammoniti Masoch, Pellicanò, Corbanese (B), Mastroianni, Ferrara (E). Spettatori 450 circa.

49′ Triplice fischio finale. Il Belluno si qualifica alla finale, sfruttando una giornata nera dell’Este, incapace di costruire un’occasione da gol degna di nota.

47’ OCCASIONE BELLUNO: su cross rasoterra da destra, Miniati tutto solo all’altezza del secondo palo manca incredibilmente il bersaglio, a pochi centimetri dalla porta

42′ Miniati riceve all’altezza del dischetto, si gira ma conclude a lato

40′ Colleziona calci d’angolo l’Este ma senza trovare vere occasioni da rete

24′ GOL DEL BELLUNO: azione travolgente di Sommacal, che lungo l’out destro resiste a tre avversari e mette basso a centro area, dove Corbanese ha il tempo di controllare e sparare un missile che piega le mani a Lorello

18’ Mischia in area giallorossa sugli sviluppi di un corner e Corbanese per un soffio non riesce ad andare alla conclusione da pochi metri

13′ Reclama un rigore l’Este per atterramento di Ferarra dopo triangolo con Mastroianni ma l’arbitro lascia correre ed ammonisce anche il numero 10 giallorosso per proteste

5′ Ha smesso di piovere nella Bassa padovana, dove fa capolino anche un timido sole

1′ Ripartiti con gli stessi 22 della prima frazione

SECONDO TEMPO

46’ Finisce senza recupero la prima frazione sullo 0-0. Nell’altra semifinale, il Campodarsego sta perdendo in casa contro la Virtus Vecomp per 1-0

45’ Bertagno alla conclusione su ribattuta della difesa atestina, pallone altissimo

44’ azione personale di Pescosta che dal limite dell’area calcia però debolmente

38’ Tiro improvviso di Marcandella da 30 metri, Solagna si rifugia in angolo coi pugni

37′ Ammonito Pellicanò, che ferma Caporali al limite dell’area con una spallata

35′ Azione personale di Marcandella, solo contro cinque difensori avversari, palla che finisce ciabattata sul fondo

25′ Punizione dalla tre quarti sinistra, Caporali tenta la deviazione sotto misura ma alza troppo la mira

16′ Ammonito anche Mastroianni dell’Este

13′ Diagonale di Mosca dal vertice sinistro dell’area, palla a lato

12′ Tiro da lontano di Miniati, altissimo

11′ Ammonito Masoch per un brutto fallo a centrocampo

3’ gol annullato all’Este: cross da destra respinto dal portiere, Busetto sulla ribattuta insacca ma il guardalinee ha già alzato la bandierina

1′ Partiti!

 

PRIMO TEMPO

Buongiorno e benvenuti alla semifinale playoff del girone C tra Este e Belluno. Tempo inclemente al “Nuovo Comunale”, dove piove copiosamente e tira un fastidioso vento trasversale.

PREPARTITA

SPOGLIATOI. Mentre nello spogliatoio del Belluno è festa grande per la qualificazione alla finale, con mister Vecchiato che evidenzia «La voglia e il carattere dei miei ragazzi, che mi hanno regalato questa grande soddisfazione di andare nuovamente in finale, da quarti in classifica», sulla sponda atestina è il capitano Lorello il primo a prendere la parola. «Al di là della partita, che penso sia stata combattuta fino alla fine e che il Belluno ha vinto meritatamente, sfruttando al meglio le occasioni che gli sono capitate – evidenzia il portiere – La sconfitta di oggi evidenzia paradossalmente ancora di più la nostra annata, perché se per due volte i nostri avversari ci hanno battuto negli scontri diretti ma noi siamo arrivati avanti di 9 punti rispetto a loro in classifica, significa che abbiamo disputato un campionato incredibile. Este si conferma una vetrina importante e tanti compagni si sono meritati le attenzioni di squadre importanti. Noi abbiamo onorato questo campionato, ora vedremo la società come deciderà di impostare il prossimo».
L’ottimo torneo degli atestini, partiti l’estate scorsa per salvarsi, ha fatto accendere i fari anche su mister Pagan, richiesto da almeno quattro formazioni di alto livello (tra i quali, in particolare, Altovicentino e Delta Rovigo) e che proprio oggi ha colto l’occasione per ufficializzare il suo divorzio dalla società di via Monte Cero.
«Il Belluno oggi ci ha creduto di più, erano più determinati – comincia analizzando la gara il tecnico – Poi ci si è messa anche un po’ di stanchezza, anche se ho forti dubbi sul gol annullato a noi, dopo pochi minuti dall’inizio. Dispiace aver finito così la stagione ma i playoff sono particolari, gare a sé. Noi volevamo vincere per coronare un’annata straordinaria e dare la possibilità alla società di poter scegliere, eventualmente, se tentare la via del ripescaggio, vista l’ottima posizione nella classifica dei possibili subentranti. Peccato, ma voglio comunque fare un grande plauso ai giocatori, alla società e al pubblico.
La mia strada e quella dell’Este ora si divideranno ma quello che mi rimarrà dentro è sicuramente l’ottimo rapporto con tutte le persone che fanno di questa società e di questo ambiente una piazza ideale dove fare calcio, come testimoniano gli ottimi campionati disputati. Proprio per questo la scelta di cambiare è stata molto ponderata e molto sofferta ma certe volte bisogna ragionare con la testa, piuttosto che col cuore. Porterò comunque sempre con me il ricordo di questa esperienza straordinaria, dove mi sono sentito più a casa rispetto a quando allenavo a Chioggia, che casa mia lo è davvero», chiude con sincera commozione l’allenatore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy