Mazzeo con grinta: “Dimostrerò che non sono finito”

Mazzeo con grinta: “Dimostrerò che non sono finito”

Il nuovo acquisto dell’Este vuole smentire le voci circolate dopo l’ultima stagione al San Paolo. Ingaggiato anche il promettente Tonus.

«Dicevano che erano finito, che ero sempre rotto. Invece, alla fine lo scorso anno ho fatto 30 presenze su 38 gare, contribuendo con 8 reti alla salvezza del San Paolo. Sono qui per dimostrare che al di là dei normali infortuni che possono capitare a tutti, soprattutto se ci si allena sul sintetico e si gioca su un terreno sicuramente non adatto al calcio (il riferimento è al campo di allenamento di Noventa Padovana e al “Plebiscito”, nda), posso ancora dare il mio contributo». Se questo è il biglietto da visita, c’è da aspettarsi una stagione tutta grinta e concretezza per Fabio Mazzeo, ultimo arrivo in ordine di tempo all’ombra dei colli Euganei. «L’obiettivo è comunque far meglio dello scorso anno, raggiungendo la salvezza e magari qualcosa in più, anche se il sogno sarebbe di ripetere la prima stagione con l’Albignasego, probabilmente la migliore che abbia mai disputato – ha aggiunto il furetto bolognese, autentico jolly d’attacco, avendo già sperimentato ruoli da prima o seconda punta, esterno e anche mezzala – Fisicamente sono a posto e conosco già molti dei nuovi compagni, quindi penso ci troveremo bene soprattutto tra attaccanti, qualunque sia il modulo che mister Zattarin deciderà di adottare».

Per Mazzeo ha speso parole d’elogio anche il vicepresidente Marchetti: «Credo fortemente nella voglia di Fabio di ben figurare e di dimostrare ulteriormente le sue doti di ottimo giocatore – ha commentato il dirigente – Partiamo con molta umiltà ma consapevoli di aver allestito una squadra importante, mixando giocatori di qualità e ragazzi del settore giovanile. Dopo corazzate come Pordenone, Marano, Sacilese e Real Vicenza (che ha presentato domanda di ripescaggio in Lega Pro, nda) che grazie a notevoli disponibilità economiche hanno allestito rose numericamente importanti, l’Este riparte per il suo ennesimo campionato in questa categoria con la volontà di recitare un ruolo da protagonista».

Per completare l’opera e arrivare a ranghi completi il 24 luglio, giorno fissato per il raduno, mancano a questo punto solo alcuni elementi, quasi tutti “under” che per regolamento vanno obbligatoriamente schierati.

A fare il punto sul mercato ci pensano allora il ds Cavazzana e mister Zattarin, ufficializzando innanzitutto l’ingaggio del centrocampista classe ’95 Giovanni Tonus, 5 reti l’anno scorso in Eccellenza col Ripa Fenadora, prelevato in prestito dal Bassano. Ad integrare il gruppo dei giovani, che già conta i vari Raffaelli, Scotton, Colletta e Migliorini, arriveranno due portieri (probabilmente classe ’93 e ’94, uno dei quali proveniente dal vivaio del Cittadella), un altro ’94 per integrare la difesa e uno per l’attacco, visto che alla fine Barrichello non ha accettato il rinnovo propostogli e quindi si accaserà altrove.

Sempre in uscita, è notizia di queste ore la firma di Tessari – autore di un’annata molto positiva – col Poggibonsi in Lega Pro, mentre l’ex capitano Aliberti si è accasato al Trissino e l’indimenticato bomber Fabbro (30 reti in 33 partite nell’anno della consacrazione in giallorosso) dopo 3 annate in Lega Pro ha accettato la corte della Sacilese e potrebbe quindi trovarsi di fronte la sua ex squadra.

A questo proposito, decisivi saranno i verdetti riguardanti le ammissioni al campionato che la Lega comunicherà giovedì 19, facendo poi scattare tutto il meccanismo dei ripescaggi che dovrebbe consentire di dare una fisionomia definitiva ai gironi e al calendario entro la prima settimana di agosto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy