Padovane tra speranze e realtà 

Padovane tra speranze e realtà 

Scontro salvezza tra San Paolo e Belluno mentre l’Este vuole spiccare il volo a Montebelluna domani, nel dodicesimo turno.

Commenta per primo!

Nemmeno il tempo di archiviare il turno infrasettimanale giocato il giorno di Ognissanti, che la serie D torna in campo, domani alle 14.30, con la dodicesima giornata del girone C.

Il San Paolo, che ospita al “Plebiscito” il Belluno (arbitro Marchese di Cosenza), è chiamato a riscattare immediatamente il brutto passo falso di San Vito, dove gli uomini di Fonti hanno regalato il primo successo stagionale ai “fraticelli”. Tra l’arrabbiato e lo speranzoso il commento del tecnico, che domani dovrà rinunciare a Furlanetto, Rampazzo e Milani ma riavrà Pitteri e Bottaro: «Evidentemente avevamo bisogno di una batosta per capire l’atteggiamento che dovremmo avere in tutte le gare. Ora ci attende una gara importante in chiave salvezza, dobbiamo tornare a fare punti per non essere risucchiati nella zona pericolosa e dovremmo mettere in campo cattiveria e compattezza per riuscirci, in quanto anche il Belluno ha fame di punti».

Quattro lunghezze più in basso dei padovani, infatti, l’undici di Raschi si trova in piena zona playout e viene da 2 sconfitte consecutive ma lontano dalle mura amiche ha già compiuto 2 blitz in questa prima parte di stagione.

Dovrà invece dare seguito alla serie di due successi consecutivi l’Este, il quale però si troverà ad affrontare in trasferta uno dei clienti più scomodi del momento, ovvero il Montebelluna (arbitro Capone di Palermo). I trevigiani, infatti, giovedì hanno sbancato per 3-2 il “Ballarin” di Chioggia, interrompendo un filotto negativo fatto di 3 sconfitte e mettendo in vetrina il giovanissimo portiere Filippetto, un classe ’96 capace di neutralizzare due calci di rigore nell’ultima uscita.

La truppa di Zattarin – di nuovo in panchina dopo la squalifica, alla pari di Raffaelli, ritorno che renderà un po’ più agevoli le scelte del mister sugli under da schierare – vuole però confermare quanto di buono mostrato a Monrupino e col Legnago per avvicinare ulteriormente la zona playoff.

Al “San Vigilio” sarà fondamentale sfruttare ogni errore della retroguardia di casa, una delle più perforate del girone, così come accaduto giovedì. Per questo, il tecnico giallorosso pare intenzionato a confermare l’assetto offensivo che buoni frutti ha dato nelle ultime vittoriose uscite, magari comprendoni un po’ di più a centrocampo.

Le altre partite di giornata: Porto Tolle-Kras Repen, Giorgione-Tamai, Legnago-Virtus Vecomp, Pordenone-Real Vicenza, Sacilese-Clodiense, Sambonifacese-Union Quinto, San Donà-Cerea, Trissino-Sanvitese.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy