Prime fatiche per Este e Campodarsego

Prime fatiche per Este e Campodarsego

È tempo di tornare a sudare, per le squadre padovane che parteciperanno al prossimo campionato di serie D. In queste ore, in particolare, stanno ricominciando una veterana della categoria ed una new entry assoluta.

Di prima mattina – ma con la temperatura già alta – ha fatto capolino il Campodarsego di mister Andreucci, che in attesa di partire per il ritiro in montagna svolgerà i primi giorni di preparazione in sede, a Reschigliano.

I biancorossi, forti di una campagna acquisti che ha visto finora approdare nell’Alta i vari Merlano e Cacurio (entrambi ex Thermal), Vanzato (portiere dal Padova), Luna (ex Real Vicenza), Ambrosi (dal Bologna), Piaggio e Pellizer (dalla Clodiense) e che può vantare anche le importanti conferme di elementi quali Aliu e capitan Bedin, sono ora alla ricerca sul mercato  di una prima punta esperta e di alcuni under per il centrocampo, col ds Gementi che scandaglierà in particolare le fila degli svincolati di categoria.

Si ritroverà, invece, ufficialmente domani pomeriggio al Nuovo Stadio – ma ha già sistemato nei vari alloggi provvisori in città i molti volti nuovi – l’Este, che col nuovo timoniere Pagan si appresta ad affrontare l’undicesimo torneo consecutivo nella massima serie dei dilettanti.

Rosa rivoltata da capo a piedi, con pochissime conferme e forte abbassamento dell’età media caratterizzano il nuovo corso giallorosso, che nei prossimi giorni continuerà a testarsi in città, prima di raggiungere il consueto ritiro di Tambre ad inizio agosto.

Sulle dita di una mano si contano, come detto, i reduci dello scorso anno: il portiere Lorello, i difensori Favaro e Scotton e la punta Coraini sono gli unici (assieme ai vari Migliorini, Ruin e Destro, di rientro dai vari prestiti) che vestiranno la casacca giallorossa per il secondo anno consecutivo. Lungo, di conseguenza, l’elenco dei nuovi: dal portiere Boaretto (ex Venezia) ai difensori Ton (Treviso), Arvia (Triestina), Ballin (Calvi Noale), passando per i centrocampisti Montin (Thermal), Craffa (Seregno), Oliboni (Castiglione) e giungendo alle punte Mastroianni (Clodiense), Niselli (Albignasego) e Marcandella (Padova, scambiato con Turea).

Inoltre, in prova ci sono anche svariati giovani del ’96 e ’97, provenienti dai maggiori settori giovanili del nord Italia (Padova e Spal in particolare) ma l’obiettivo principale per le prossime settimane sarà anche qui una punta di peso ed esperienza, per la quale però la dirigenza predica pazienza.   

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy