Serie D, Abano ferma il Venezia ma Campodarsego ed Este non ne approfittano

Serie D, Abano ferma il Venezia ma Campodarsego ed Este non ne approfittano

Commenta per primo!

Poteva essere una domenica di svolta, l’ottava di ritorno del girone C di serie D, invece alla fine la situazione è rimasta immutata in vetta, con tanti rimpianti da parte delle squadre padovane.

Eppure l’Abano era riuscito nell’impresa di uscire indenne dal “Penzo” di Venezia, imponendo un pareggio per 1-1 alla corazzata lagunare, passata in vantaggio con Modolo a metà della ripresa, ma riagguntata da Fusciello quando al 90′ mancavano una decina di minuti.

Avrebbe potuto essere l’occasione buona per il Campodarsego per andare a +5 sugli inseguitori, invece i biancorossi tornano a casa con uguale punteggio dal difficile terreno della Virtus Vecomp. I ragazzi di Andreucci erano passati in vantaggio al 27′, grazie al rigore concesso per atterramento di Kabine e realizzato da Michelotto ma erano stati prontamente ripresi, al 35′, dall’inzuccata vincente di Alba.
Sul finire del primo tempo, i veronesi restano però in 10 per espulsione di N’ze (fallo da ultimo uomo), così nella ripresa si assiste ad un monologo padovano, che potrebbe culminare al 73′, quando Peroni stende Radrezza e l’arbitro decreta il secondo rigore di giornata a favore degli ospiti. Sul dischetto va Kabine che si fa però ipnotizzare dal portiere Guagnetti e la gara termina così sull’1-1.

Degli stop parziali delle prime due non riesce ad approfittare nemmeno il lanciatissimo Este, che sulla sua strada trova un campo ai limiti della praticabilità, un guardalinee poco accorto e la bestia nera Belluno, unica formazione in grado fin qui di battere gli atestini e che si conferma squadra di caratura, imponendo l’1-1 al “Nuovo Comunale”, nonostante un secondo tempo a senso unico da parte dei padroni di casa, cui vengono annullati due gol nel giro di un minuto. Este in vantaggio ad inizio ripresa con Caporali e pareggio gialloblù con Acampora al 64′, dopo che Corbanese aveva fallito un rigore pochi istanti prima.

La delusione più grande della giornata, anche dal punto di vista del risultato, è la sconfitta interna di misura subita dalla Luparense San Paolo ad opera del Montebelluna. Contro una formazione trevigiana reduce da cinque ko consecutivi, i Lupi si inchinano al vice capocannoniere del girone, Zecchinato, che di testa insacca ad una manciata di minuti dal 90′, dopo aver colto, ad inizio ripresa, un clamoroso incrocio dei pali.

La Luparense torna quindi pericolosamente vicina alla zona playout e si prepara ora ad affrontare, domenica prossima, il derby in casa del Campodarsego. Sempre nel prossimo turno sono in programma anche Este-Triestina e Liventina-Abano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy