Serie D, Kabine è sicuro: “Campodarsego da Lega Pro, Venezia in difficoltà”

Serie D, Kabine è sicuro: “Campodarsego da Lega Pro, Venezia in difficoltà”

Le ambizioni delle squadre padovane nell’articolo de Il Mattino

Commenta per primo!

Ci speravano entrambe. Campodarsego ed Este, le due squadre padovane di Serie D che stanno tenendo in scacco il Venezia, hanno creduto invano nell’impresa domenicale del Montebelluna. La formazione trevigiana, allo stadio “Pier Luigi Penzo”, non è riuscita a strappare nemmeno un punticino, anche se il 2-0 dei lagunari (decisive le reti di Serafini e Innocenti), di fatto, non ha mosso la classifica: il Campodarsego resta comunque in vetta con un distacco di tre punti da confermare, come minimo, nel turno infrasettimanale di mercoledì, contro il Monfalcone (in casa). L’Este, invece, continua a inseguire a debita distanza (5 punti) ma dopodomani dovrà vedersela con un Montebelluna reduce da una trasferta amara e in piena lotta per non finire ai playout. CAMPODARSEGO. Dalle parti di Reschigliano, però, c’è chi non dà troppo peso all’acuto del Venezia. Anzi, Mehdi Kabine, a segno pure nell’anticipo di sabato con la Sacilese (2-0 il risultato finale), vede gli arancioneroverdi addirittura «in difficoltà». «A noi basterebbe arrivare allo scontro diretto del 6 marzo con tre punti di vantaggio» spiega il centravanti marocchino. «Anche perché il Venezia, a mio avviso, ha un po’ troppa pressione addosso. Ho vissuto una situazione simile l’anno scorso all’Altovicentino: lì c’erano 27 giocatori, due squadre di titolari e uno spogliatoio piuttosto ingestibile per l’allenatore. Infatti non siamo riusciti a centrare la promozione». Poi aggiunge: «Anche se il Venezia ha fatto grossi investimenti, non è detto che coi soldi riesca a spuntarla. Lo dico facendo i dovuti scongiuri: noi non abbiamo “obblighi”, siamo più spensierati». Ci crede, Kabine. E ha la certezza che il Campodarsego si giocherà la vittoria del campionato fino alla fine: «Non possiamo più nasconderci. La dirigenza, in primis, ha dato un segnale importante ingaggiando giocatori di livello per il girone di ritorno». Kabine chiude col “botto”: «Questa società, per organizzazione societaria e organico merita la Lega Pro. A mio parere, con due o tre innesti potrebbe fare bella figura nei professionisti». ESTE. In casa dell’Este l’entusiasmo è simile, anche se non ci sono, almeno per il momento, le stesse ambizioni dei “cugini” dell’Alta. Sabato, i ragazzi di Pagan hanno rispedito in Friuli il Fontanafredda con tre reti sul groppone, due delle quali messe a segno da Vincenzo Ferrara: «Faccio parte di un gruppo meraviglioso» afferma l’esterno d’attacco casertano. «E’ difficile non dare il massimo con questi ragazzi». Il Venezia, nonostante la striscia positiva dei giallorossi, resta a +5: «Sì, ma non dobbiamo dare troppo peso alla classifica» puntualizza Ferrara. «Stiamo facendo bene perché affrontiamo ogni partita senza fare calcoli. Lavoriamo con grande intensità durante la settimana e alla domenica diamo il massimo. Come ha detto più volte il mister, dobbiamo pensare solo a migliorarci. Se poi riusciamo ad agganciare le prime due, tanto meglio». ABANO E LUPARENSE. Nel turno infrasettimanale s’incroceranno pure le altre due padovane, Abano e Luparense. Allo stadio delle Terme di Monteortone i neroverdi di Karel Zeman, rimasti a riposo nell’ultimo weekend per il rinvio del match con la Virtus Vecomp Verona, cercheranno di prolungare l’imbattibilità nel girone di ritorno (4 vittorie in 5 partite) con i Lupi, sconfitti sabato dal Monfalcone. (Da Il Mattino, Francesco Vigato)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy