Thermal e San Paolo, un punto che serve a poco. Este imperioso a Fiorenzuola, cade l’Abano

Thermal e San Paolo, un punto che serve a poco. Este imperioso a Fiorenzuola, cade l’Abano

Commenta per primo!

THERMAL ABANO-ATLETICO SAN PAOLO 0-0

THERMAL ABANO: Merlano, Baldovin (19’ st Scarmato), Cianini, Montin, Sadocco, Cacurio (41’ st Massaro), Raffa (37’ pt Parpajola), Vitagliano, Sabbion, Franciosi, Rocco. A disp: Sinigaglia, Strussiat, Antonello, Celi, Macolino. Allenatore: Bisioli.

ATLETICO SAN PAOLO: Rosiglioni, Masiero, Fornasier, Benucci, Bianchi, Caco, Marcolin (33’ st Guariento), Longhi, Sedivec (35’ st Gusella), Matteini (45’ st Rebecca), Mascolo. A disp: Savi, Zanetti, Barbin, Villatora, Cardo, Salvò. Allenatore: Longhi.

ARBITRO: Pennino di Palermo (Vitale, Bellini).

NOTE: ammoniti Caco, Bianchi, Matteini, Benucci (A), Raffa, Montin, Baldovin, Sabbion, Vitagliano (T). Spettatori 250 circa. Al 21’ del primo tempo Matteini (A) fallisce un calcio di rigore.

Termina con un pareggio che non accontenta nessuna delle contendenti il derby tra Thermal Abano e Atletico San Paolo, uno dei tanti proposti dal girone D di serie D. Nonostante l’atteggiamento offensivo impostato dai rispettivi allenatori, la gara si rivela combattuta ma non molto spettacolare, soprattutto nel secondo tempo, anche se ai punti è il San Paolo che potrebbe recriminare un risultato migliore.

In cronaca, gli ospiti si fanno vivi già al 4’, con Mascolo che tenta la girata dal limite, sulla quale Merlano deve distendersi per deviare in angolo. Ancora Mascolo all’11’ serve in profondità per Marcolin, la cui staffilata si perde però a lato. Passano 2’ ed è Matteini a tentare la conclusione dopo un dribbling in area, con la sfera che sfila però di poco oltre il palo. Il momento migliore degli ospiti capita verso metà frazione: al 20’ Sedivec aggancia infatti in area spalle alla porta, tenta di eludere il diretto marcatore ma finisce per inciampare su se stesso.

L’occasione migliore per passare in vantaggio gli ospiti la costruiscono però un giro di lancette più tardi: Raffa atterra Matteini in area, l’arbitro non ha esitazioni nel decretare il rigore che lo stesso Matteini calcia da fermo, colpendo però incredibilmente la traversa. Il pericolo scampato sveglia finalmente i padroni di casa che si fanno timidamente vedere dalle parti di Rosiglioni al 29’, col tiro di Franciosi da 20 metri che termina ampiamente a lato.

La frazione termina col predominio territoriale degli ospiti, rintuzzati dai padroni di casa che non riescono però a creare alcun pericolo in fase offensiva.

Nella ripresa ci si attende il risveglio dei padroni di casa, ed effettivamente la Thermal si fa viva con Cacurio che al 3’ imbecca Rocco, anticipato all’ultimo da Rosiglioni in uscita bassa, e al 7’ fa lo stesso con Sabbion, il quale anticipa il diretto marcatore ma non riesce ad indirizzare la puntata nello specchio. In mezzo, una conclusione da 15 metri di Mascolo sull’altro fronte, con Merlano sicuro in presa centrale.

È solo un fuoco di paglia, perché di lì in poi il match perde di vigore, complice anche la stanchezza dei 22 in campo e nonostante il San Paolo continui a cercare la via per il gol, non ci sono azioni pericolose degne di essere annotate né da una parte né dall’altra. Ci si accontenta quindi di un punticino che muove sì la classifica ma non in modo significativo. Di questi tempi, vista la situazione delle contendenti, meglio che niente.

SPOGLIATOI. Prevale la delusione del dopo gara, seppur lenita dalla consolazione che un punto guadagnato, di questi tempi, è un brodino che comunque male non fa. «Il rammarico c’è – esordisce il mister del San Paolo, Longhi – in quanto abbiamo dominato la gara, disputando soprattutto un ottimo primo tempo per quantità e intensità. Purtroppo abbiamo fatto degli errori in fase conclusiva, ma al di là di questo non posso rimproverare nulla ai ragazzi, che hanno tenuto in pugno la partita. Sono comunque ottimista, perché abbiamo creato molto e vedo i ragazzi in crescita.

Dobbiamo però essere più cinici, in quanto abbiamo giocatori di qualità e non riuscire a vincere un match in questo modo è un vero peccato, vista la nostra classifica».

Riconosce i demeriti dei propri atleti, invece, il tecnico di casa Bisioli: «Abbiamo avuto diverse difficoltà oggi – analizza il mister della Thermal, legate sia ad infortuni che a errori commessi. Ho dovuto chiedere un sacrificio agli attaccanti, facendo però venir meno di conseguenza la fase offensiva. È un punto che ci teniamo stretto, nonostante la partita non bella e gli errori commessi, perché ci consente di allungare la striscia positiva a tre partite consecutive».

ALTRE PADOVANE. Un successo importante e una sonora sconfitta per le altre due squadre padovane del girone. La vittoria è quella dell’Este, che col perentorio 1-3 ottenuto a Fiorenzuola (reti di Rondon, Lelj e Beghetto; Franchi per i piacentini) consolida il secondo posto in classifica alle spalle del Piacenza.

Torna invece con un pesante 3-0 sul groppone da Imola l’Abano, che patisce la verve di una delle squadre più in forma del momento (doppietta di Bonaventura e suggello di Petrascu per i bolognesi).

Domenica prossima, è in programma proprio la sfida tra neroverdi aponensi e giallorossi della Bassa, un derby che si preannuncia avvincente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy