Venezia, Tacopina visiona gli stadi americani

Venezia, Tacopina visiona gli stadi americani

Il presidente arancioneroverde sta studiando una serie di impianti prima di commissionare il progetto per quello in Laguna

Giorgio Perinetti in Italia a costruire la squadra per Pippo Inzaghi, il presidente Joe Tacopina in tour negli Stati Uniti per visionare alcuni stadi, avendo sempre l’obiettivo di realizzare un impianto di prima classe a Venezia. Il numero uno arancioneroverde, accompagnato dai dirigenti John Goldman, Dante Scibilia e Ted Philipakos, che tra una decina di giorni sbarcherà a Tessera, è stato in questi giorni stato nei due migliori stadi della MLS, la Major League Soccer, vale a dire la Red Bull Arena, lo stadio dei New York Red Bulls, e il Talen Energy Stadium, la casa dei Philadelphia Union. Le due società calcistiche americane si sono messe a disposizione per l’effettuazione di due tour privati, finalizzati per condividere con il Venezia Football Club le caratteristiche e il funzionamento dei rispettivi stadi. «Ogni giorno facciamo progressi considerevoli sia sul fronte del progetto calcistico che su quello dello stadio» puntualizza da oltreoceano Joe Tacopina, «per quanto riguarda il progetto relativo allo stadio, stiamo compiendo sforzi straordinari con l’obiettivo di realizzare un impianto che renderà il nostro club, i nostri tifosi e la nostra comunità orgogliosi per molti anni. Questi due giorni ci hanno illuminato e ci hanno permesso di capire quello che vogliamo sia presente e quello che non vogliamo ci sia all’interno di quella che diventerà la nostra nuova casa. Per questo motivo, voglio ringraziare sentitamente i dirigenti dei New York Red Bulls e dei Philadelphia Union per la loro ospitalità». Il Venezia ha commissionato allo studio di architettura Rossetti, che ha progettato fra gli altri gli stessi Red Bull Arena e Talen Energy Stadium, il progetto del nuovo stadio, a capo del quale c’è l’architetto Matt Rossetti, anche lui presente nel tour con la delegazione veneziana, come del resto hanno partecipato i rappresentanti dell’Accademia SGR, la società milanese specializzata nella gestione degli investimenti, e dell’Ai Engineering, la società di ingegneria torinese. L’obiettivo del Venezia è di studiare e trarre ispirazione dai più innovativi stadi del Nord America, dell’Europa e non solo, tanto che entro la fine dell’estate i dirigenti arancioneroverdi visiteranno anche i migliori stadi italiani. (Da La Nuova Venezia)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy