Fidia, nessuno scampo contro Trento

Fidia, nessuno scampo contro Trento

Commenta per primo!

Itas Diatec Trentino – Fidia Padova 3-0

(25-22; 25-17; 25-14)

Itas Diatec Trentino: Raphael 4, Kaziyski 10, Juantorena 11, Djuric 6, Stokr 8, Burgsthaler 4, Bari (L); Della Lunga 6, Zygadlo, Sokolov 4, Colaci (L). Non entrati: Birarelli, Brinkman, Lanza. Allenatore: Radostin Stoytchev.

Fidia Padova: Tiberti 1, Schwarz 5, Rosso 9, De Marchi 11, Semenzato 6, Suljagic 4, Zingaro (L); Cricca 1, Koshikawa, Giannotti. Non entrati: Gonzalez, Simeonov, Garghella (L). Allenatore: Paolo Montagnani.

Arbitri: Genna-Satanassi.

Durata: 27’, 24’, 23’. Tot. 1h 14’.

MVP: Osmany Juantorena (Itas Diatec Trentino).

Spettatori: 3.069.

Incasso: 27.087 euro.

La Fidia Padova arriva nella tana dell’Itas Diatec Trentino. Una partita sulla carta difficilissima, tanto che coach Montagnani decide di tenere a riposo l’opposto Simeonov e il palleggiatore Gonzalez in vista della sfida della partita di domenica 29 gennaio contro la Marmi Lanza Verona (ore 18.00, PalaFabris).

Parte forte la squadra di casa portandosi sul 3-0, ma è con Mattia Rosso al servizio che Padova riesce a trovare un break significativo e a portarsi in vantaggio (4-6). Il match appare equilibrato in queste prime battute e – nonostante il divario tecnico tra le due squadre – Padova resiste sull’11-11 sfruttando anche i servizi errati dei trentini. Al secondo time out tecnico l’Itas Diatec è avanti di un solo punto, a dimostrazione che l’approccio al match da parte dei bianconeri è quello giusto. Sulla lunga azione del 17-17, chiusa positivamente da Rosso, il pubblico di Trento tributa un applauso ai bianconeri. Proprio sul finale di set però è la classe di Kaziyski a fare la differenza, permettendo ai suoi di chiudere 25-22.

Inizia con buon piglio il secondo set, tanto che i bianconeri sono capaci di portarsi sul 5-7 con Rosso e De Marchi molto attivi. Trento gioca senza sforzare, ma Padova ha il giusto atteggiamento (16-14) ed è galvanizzata per le buone azioni che riesce a costruire. Basta però che Juantorena & C. sforzino il servizio per creare il solco. A chiudere è il primo tempo dell’ex Burgsthaler: 25-17.

L’avvio di terzo set è monopolizzato da Juantorena, che crea il vuoto attorno a sé. Sul 12-5 coach Montagnani fa entrare in campo Giannotti per De Marchi e Koshikawa per Rosso. Una mossa coraggiosa e al tempo stesso importante per il gruppo. Il “turn over” avviene anche in casa trentina e Sokolov non è da meno dei titolari (17-8). E’ solo un count down al termine: 25-14 e vittoria meritata per i trentini.

Paolo Montagnani (allenatore Fidia Padova): “Abbiamo giocato con il giusto piglio per un set e mezzo, addirittura avremmo potuto recriminare qualcosa per fare di più nel primo set. Poi Juantorena e i suoi compagni di squadra hanno fatto vedere la loro grande classe e a quel punto abbiamo potuto poco. Simeonov e Gonzalez? Più che per motivi tecnici, è soprattutto per motivi fisici che sono rimasti a riposo. Ora speriamo di averli a disposizione per la sfida con Verona, una gara di grandissima importanza”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy