La Pallavolo Padova continua a volare, che lotta con Mantova!

La Pallavolo Padova continua a volare, che lotta con Mantova!

Commenta per primo!

Phyto Performance Padova – Canadiens Mantova 3-1

(25-22; 27-29; 25-21; 25-22)

Phyto Performance Padova: Tiberti, Cricca 6, Koshikawa 15, Rosso 24, Uchikov 19, Burgsthaler 9, Garghella (L), De Marchi, Busi. Non entrati: Sabo, Giannotti, Pagni, Zingaro (L). Allenatore: Paolo Montagnani.

Canadiens Mantova: Cortellazzi 2, Miraglia 26, Botto 8, Gemmi 6, Beretta 7, Parusso 14, Tognazzoni (L), Coscione, Frosini, Spiga. Non entrati: Ferri Lazzaroni, Nash, Cavalieri (L). Allenatore: Michele Totire.

Arbitri: Puletti-Falzoni.

Spettatori: 1.801 .

Incasso: 2.083, 58 euro.

La Phyto Performance Padova scende sul parquet del PalaFabris per il posticipo della sesta giornata di Regular Season della Serie A2 Sustenium. I bianconeri sono alla ricerca di punti per rimanere ancorati al primo posto, mentre Mantova cerca una vittoria per allontanarsi dalla zona bassa della classifica. Il match vede una curiosa battaglia tra i due migliori “muratori” della serie A2: Matteo Burgsthaler per la Phyto Performance Padova (82) e Thomas Beretta per la Canadiens Mantova (64).

Montagnani schiera ancora in banda la coppia Rosso-Koshikawa, Tiberti al palleggio, Uchikov opposto, Burgsthaler e Cricca al centro, Garghella libero. E’ Mantova a partire col turbo, trovando l’ace di Miraglia al servizio per il momentaneo 3-6. La Phyto Performance ci mette un po’ ad ingranare, fino all’8-8 ottenuto con due ace consecutivi per i bianconeri. E’ una lotta punto a punto, che si porta fino al 16-14 al secondo time out tecnico dopo il muro di Burgsthaler su Miraglia. Sul 18-18 dopo coach Paolo Montagnani chiede time out. Gli ospiti sono molto aggressivi e questo consente loro di rimanere attaccati al risultato. Nel finale però sono i patavini ad avere la meglio ed è ancora Burgsthaler a chiudere a muro su Gemmi per il 25-22.

L’avvio del secondo set è simile al primo, con Mantova avanti pericolosa (2-5). I bianconeri faticano in attacco, specie con Uchikov che non sembra avere il solito piglio sotto rete. L’errore d’intesa tra Tiberti e Cricca porta Mantova a chiudere il primo time out tecnico sul punteggio di 4-8. Tiberti si affida con più costanza a Koshikawa e il giapponese lo ripaga con la giusta moneta. Il muro di Cricca porta così i bianconeri a recuperare e a chiudere in vantaggio il secondo time out tecnico (16-14). Miraglia però si erge a migliore tra i suoi (10 punti solo in questo set) e spinge la squadra a giocarsi il set ai vantaggi. Ad avere la meglio è Mantova, che chiude 27-29.

Padova soffre e si vede. Nel terzo set gli ospiti continuano ad avere maggiore lucidità e ad essere incisivi con Gemmi, risvegliatosi dopo un secondo set sotto tono (6-8). Il set è un continuo colpo su colpo che si porta avanti fino al 20-20. Il colpo di Uchikov (migliore del set con 7 punti) e la murata di Rosso mandano la Phyto Performance a +2, costringendo coach Totire a chiedere una pausa. Il finale è tutto bianconero, con la Phyto Performance che si avvia veloce al 25-21.

Nel quarto set la battaglia continua, anche se la Phyto Performance brilla con Yu Koshikawa (eletto MVP con l’80% in attacco), nettamente protagonista dell’avvio di questa frazione di gioco (16-13). Il muro di Uchikov è fondamentale nell’allungare ulteriormente le distanze (20-15) e Padova presto chiude 25-22, portando in saccoccia 3 punti importantissimi contro un avversario molto ostico.

PROSSIMO APPUNTAMENTO. La prossima sfida della Phyto Performance Padova si giocherà nuovamente al PalaFabris alle ore 18.00 di domenica 13 febbraio. Ospite della squadra bianconera sarà il Club Italia Aeronautica Militare Roma allenata dal padovano Gigi Schiavon.

Paolo Montagnani (coach Phyto Performance Padova): “L’avevo detto che anche questa sarebbe stata una battaglia. Mantova ha dimostrato di avere delle ottime qualità, ma noi abbiamo mantenuto la giusta concentrazione senza farci sopraffare. Al momento il sestetto che schiero in campo è quello che ci fornisce maggiore sicurezza e tranquillità, però è importante poter contare su una rosa ampia e fino ad oggi lo abbiamo dimostrato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy