Sora al muro, la Tonazzo in finale di Coppa Italia

Sora al muro, la Tonazzo in finale di Coppa Italia

Commenta per primo!

Pare neanche vero. Non tanto per il risultato, quanto per la facilità con cui arriva. Come se la prima e la seconda della classifica giocassero in realtà in pianeti diversi. E invece Tonazzo Padova e Globo Sora si trovano assieme al PalaIper di Monza, per la final four della Coppa Italia di volley di A/2, solo che, mentre i bianconeri viaggiano a mille, gli altri sembrano fermi. Rosso e compagni confermano anche nel capoluogo brianzolo di essere a dir poco in palla, schiacciando il sestetto ciociaro in un’ora e un quarto e qualificandosi per la finale di oggi: alle 17.30, in diretta Rai Sport 1, se la vedranno con il Vero Monza, che ieri sera, nella seconda semifinale, ha superato Matera per 3-0 (25-19, 25-19, 25-17). Che muro. È stata un’affermazione costruita sul muro: ben 14 i punti diretti realizzati con questo fondamentale, non pochi in appena tre set. Lo specialista Paoli ne ha realizzati 4 da solo, ma anche Giannotti e Volpato, che ne hanno firmati tre a testa, sono stati bravi a leggere le azioni offensive orchestrate da Daldello, regista frusinate, non lasciando alcuno spazio a Tamburo, opposto teoricamente fra i più pericolosi della categoria. L’altro nome da indicare è quello di Pippo Vedovotto, trascinatore dell’attacco padovano col suo 58% offensivo su 24 palloni colpiti. «Semplicemente perfetti». Proprio Vedovotto merita più di tutti il diritto di parola a fine match. «Siamo venuti qui con la voglia di vincere e abbiamo disputato una partita perfetta. È vero, anche noi schiacciatori stiamo dando una mano al muro ed è importante che tutti quanti lavorino per un obiettivo comune. Stiamo lavorando duramente in allenamento e i risultati per ora si vedono». La sua soddisfazione è anche quella dell’allenatore della Tonazzo: Valerio Baldovin parla di «una grande partita, in cui abbiamo sbagliato molto poco, mettendo in difficoltà da subito gli avversari, sfoderando poi una grandissima prestazione in difesa. I ragazzi sono molto carichi e tengono a fare bella figura in questa competizione. La finale sarà un’altra sfida dura». Quasi in fotocopia. La cronaca dice che nel primo parziale i bianconeri hanno preso il largo partendo dall’errore di De Araujo sul 12-8, con Vedovotto bravo a capitalizzare il momento favorevole. A chiudere è il mani-out di Giannotti: 25-16. La seconda frazione è l’unica combattuta, con i due sestetti appaiati sul 16-16. Vale così la pena di raccontare il finale: con un attacco di Volpato e un errore in attacco di Sora la Tonazzo trova il 22-20. Volpato erige il muro del 23-20 mentre il set-ball è firmato da Vedovotto (21-24) seguito da una bordata risolutoria di Giannotti. Il terzo set ricalca il primo, con i padovani che doppiano gli avversari sul 12-6. Sora sbaglia molto in attacco (18-10) e Padova deve solo controllare. La Tonazzo vola in finale: riuscirà ad alzare il trofeo per la prima volta nella sua storia? Lo sapremo dalle ore 17.30.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy