Tonazzo batte Castellana Grotte, ora sfida decisiva per l’A1 a Monza

Tonazzo batte Castellana Grotte, ora sfida decisiva per l’A1 a Monza

Materdominivolley.it Castellana Grotte – Tonazzo Padova 2-3

(20-25; 27-25; 16-25; 25-18; 14-16) 

Materdominivolley.it Castellana Grotte: Cazzaniga 24, Libraro 19, Castellano 14, Sperandio 4, Pellegrino 5, Spadavecchia 12, Primavera (L); Petrosillo, Battista, Braico 2. Non entrati: Civita, Ciavarella. Coach: Vincenzo Fanizza. 

Tonazzo Padova: Mattei 8, Vedovotto 17, Orduna 2, Giannotti 19, Rosso 25, Volpato 12, Balaso (L); Gozzo, Garghella, Paoli. Non entrati: Groppi, Casaro. Coach: Valerio Baldovin. 

Arbitri: Montanari-Chimento. 

Durata: 24’, 32’, 23’, 27’, 21’. Tot. 2h 7’ . 

Penultima sfida di Regular Season per la Tonazzo Padova, che affronta i pugliesi della Materdominivolley.it Castellana Grotte, reduci da tre vittorie consecutive contro Corgiliano, Ortona e Milano. I bianconeri scendono in campo con Orduna al palleggio, Rosso e Vedovotto in banda, la coppia Mattei-Volpato al centro, Giannotti opposto, Balaso libero. Decisamente buono l’avvio del primo set per i patavini, che staccano subito sull’1-4 grazie ai buoni colpi di Giannotti. I padroni di casa tentano di riavvicinarsi con Cazzaniga sul 4-7, ma la buona prova di Volpato a muro consente ai patavini di arrivare sul 6-12 al time out tecnico coi bianconeri che devono amministrare il vantaggio. I bianconeri mantengono il vantaggio fino al 13-19, quando i padroni di casa trovano in Libraro i colpi necessari per arrivare al 17-19 (due ace consecutivi) costringendo coach Baldovin a chiamare pausa di gioco. A togliere le castagne dal fuoco ci pensano i colpi di Volpato (in giornata di grazia) e di Giannotti che consentono così ai patavini di andare sul 17-22. La Tonazzo Padova tira così un sospiro di sollievo e chiude agilmente 20-25. 

Diverso l’avvio di secondo set. Libraro e Cazzaniga tirano a “tutto braccio” e la Tonazzo fatica in difesa (4-2). Ottima però la reazione dei patavini che riescono a ribaltare la situazione con 4 punti consecutivi andando sul 4-6 grazie anche al servizio di Vedovotto, cercato maggiormente da Orduna in questa fase. Castellana Grotte però non vuole fare la parte dello spettatore e reagisce subito costringendo i bianconeri ad un testa a testa intenso fino al time out tecnico che vede i patavini avanti per 11-12. Al rientro in campo la Tonazzo sfodera nuovamente gli artigli, passando dal 12-12 al 12-16 sfruttando qualche imprecisione degli avversari e dando spazio ai colpi implacabili del capitano Rosso. Coach Fanizza chiede time out, ma il punto del 12-17 sembra dare il via alla fuga dei veneti. E’ solo illusione, perché ancora una volta Libraro e soprattutto Castellano sono micidiali anche a muro. Padova vacilla e sul 16-17 coach Baldovin si ripara in time out. Si torna in campo ma ormai Castellana Grotte è spinta dal pubblico e sul 18-17 decreta il vantaggio. Orduna si affida per lo più a Rosso e Volpato che si impongono bene a muro (22-23). Il finale di set è palpitante e a trovare il set ball è Castellana Grotte sul 24-23 con Padova in difficoltà in ricezione. Si va ai vantaggi, ma questa volta i pugliesi non si lasciano sfuggire l’occasione e chiudono 27-25. 

La Tonazzo deve rincorrere e l’avvio di terzo set vede protagonista Rosso, capace di tenere per mano la squadra fino al 7-10. I bianconeri trovano maggiore lucidità rispetto al finale della frazione precedente, ma dall’altra parte della rete c’è una squadra che gioca senza timori e con la voglia di far vedere al proprio tifo che la squadra c’è. Cazzaniga è il punto di riferimento dell’attacco pugliese e si mette in evidenza anche il giovane centrale Spadavecchia. Al time out tecnico gli uomini di coach Baldovin sono avanti 9-12 ma è comunque una sfida molto equilibrata. Come in un film già visto, al rientro in campo la Tonazzo alza il tiro e aumenta il vantaggio fino al 9-15 sfruttando il momento positivo di tutto il reparto attaccanti, soprattutto di Vedovotto che recupera dopo il precedente set, giocato sottotono. Tentativo di rimonta dei padroni di casa, ma sul 12-15 questa volta la Tonazzo fa la voce grossa e con Rosso sugli scudi i bianconeri vanno sul 12-18. E’ il colpo di grazia del set, perché da qui Padova trova la capacità di gestire il vantaggio, sbagliare poco e chiudere 16-25. 

Assoluto equilibrio nelle prime fasi del quarto set fino al 7-7, con Giannotti e Volpato attenti a muro. Con Castellano e Libraro insidiosi in attacco, i padroni di casa riescono a portarsi a +2 sui veneti sul 9-7 : per la Tonazzo la lotta continua. Sono due punti pesantissimi e che i patavini faticano a recuperare. Sul 14-12 la Materdominivolley.it Castellana Grotte trova il guizzo del solito Cazzaniga per portarsi sul 16-12 e coach Baldovin non può che chiamare pausa per rompere il lungo break positivo degli avversari. Al rientro sul parquet di gioco, il 17° punto dei pugliesi pesa come un macigno. Nonostante l’ottimo tentativo di rimonta (18-17), i bianconeri poi mollano la presa e sbagliano molto in ricezione. I muri di Castellana Grotte e la battuta di Cazzaniga chiudono con un eloquente 25-18. 

Rabbioso l’avvio della quinta e ultima frazione di gioco. La Tonazzo Padova trova in Rosso e Volpato i punti di riferimento per portarsi sul 3-8 al cambio campo. Ancora una volta Libraro e Cazzaniga sono micidiali e rosicchiano i punti di vantaggio acquisiti dai patavini (7-9) facendo intravedere gli spettri di una rimonta importante. Sul 9-10 coach Baldovin chiama time out. Spadavecchia, Libraro e Cazzaniga trascinano la squadra sul 12-12. Da qui nasce un finale al cardiopalma, l’ennesimo di questo campionato. Si va ai vantaggi e questa volta la Tonazzo s’impone con il muro decisivo del 14-16 firmato da Orduna. 

Valerio Baldovin (coach Tonazzo Padova): «Oggi abbiamo faticato sui loro battitori, ma è comunque positivo aver portato a casa una vittoria. Potevamo fare tre punti, certo, ma loro hanno giocato bene, come tutte le squadre che abbiamo affrontato recentemente. Abbiamo fatto un partita di sostanza per tutti i 5 set. Bene così»

Mattia Rosso (Tonazzo Padova): «In settimana ci eravamo allenati bene ed ero convinto che oggi avremmo potuto fare tranquillamente tre punti. Loro sono una squadra “strana”, capace di sprazzi di gioco di altissimo livello. Oggi i loro battitori hanno fatto del loro meglio e per questo abbiamo dato vita ad una partita molto tirata. Alla fine il pallino del gioco è sempre rimasto in mano nostra e questi due punti sono preziosi in vista della trasferta di Monza. Noi riposeremo la settimana prossima, mentre Monza affronterà una Cantù di sicuro entusiasta per la vittoria odierna. La sfida dell’ultima di Regular Season sarà comunque decisiva»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy