Abodi sul calcioscommesse: “Magistratura faccia il suo dovere, non sul versante della comunicazione ma dell’efficacia”

Abodi sul calcioscommesse: “Magistratura faccia il suo dovere, non sul versante della comunicazione ma dell’efficacia”

Commenta per primo!

Il presidente della serie B Andrea Abodi è intervenuto questa mattina a RadioRai in merito all’ennessimo rigurgito del calcioscommesse: “Evidentemente c’e’ qualcosa che non e’ chiaro ed e’ bene che emerga ma abbiamo bisogno di una magistratura che nella prima fase riesca a essere silenziosa e operosa, senza spettacolarizzazione. La mia idea e’ quella di una giustizia che all’inizio sia silenziosa e operosa e che poi esprima un giudizio e invece mi sembra che funzioni al contrario, con un inizio clamoroso mentre alla fine la montagna partorisce il topolino”. Il pm Di Martino ha pero’ annunciato risvolti clamorosi. “Ho grande rispetto per la magistratura ma se non ricordo male – continua Abodi ai microfoni di Radio Anch’io Sport – certe affermazioni sono state fatte due anni fa e in due anni e’ venuto fuori ben poco e sono pochi i

tesserati coinvolti. Che il nostro mondo sia sotto l’attacco di mascalzoni e artigiani dell’industria del malaffare e’ evidente ma non deve determinare un giudizio collettivo, che per pochi delinquentelli paghino decine di migliaia di persone. Abbiamo mille problemi ed e’ un dovere trovare delle soluzioni assieme. Ma diventare la foglia di fico di una situazione di difficolta’ che vive il Paese e’ un prezzo troppo alto. Che la magistratura faccia il suo dovere, non sul versante della comunicazione ma dell’efficacia, non c’e’ bisogno di sbattere il mostro in prima pagina. Non abbiamo bisogno di un colpevole ma del colpevole, quando c’e’, e bisogna evitare dichiarazioni a effetto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy