Black-out, i tifosi ci scrivono

Black-out, i tifosi ci scrivono

Ancora tante e-mail sulla questione black-out, ecco alcuni vostri interventi:

Giuseppe: “Sono tifoso del Padova da 40 anni. Sono molto amareggiato per la sentenza e i 3 punti persi, ma l’errore è nostro. Se in ospedale manca la corrente non si rimanda un operazione al giorno dopo. Allo stadio il gruppo di emergenza deve essere attivato in automatico. Ce la dobbiamo prendere con l’addetto all’impianto e non col giudice sportivo!

Daniele: “Quello che è successo conferma quello che vi ho scritto due settimane fa: società come Torino, Sampdoria, Pescara, Verona e Brescia se recupera fanno più comodo del Padova in serie A perchè hanno più abbonati e più utenti pay tv. Spero che la forza della squadra mi smentisca e riesca lo stesso ad acciuffare la promozione lottando contro tutti. Voglio dire al sig. Matteo che non siamo ridicoli noi ma disonesti voi che volete andare in A con i trucchetti perchè in campo con la squadra che avete ne avete presi 4 anche l’ultima volta.

Maurizio: “Gentile Redazione, mi permetto, da tifoso padovano che purtroppo vive a Torino, di fare alcune piccole considerazioni:

1) ma …siamo ancora qui a parlare di Padova-Torino come se questo fosse il punto fondamentale del campionato del Padova ?

2) Qualcuno ha visto come gioca il Varese ? In 10 uomini e fuori casa ci ha dato una delle più “interessanti” lezioni di come ci si portano a casa i meriti e non le “ciaccoe” e, credo giustamente, recriminando sui 2 punti persi !

3) Se facciamo una media tra le pArtite con Modena, Brescia e Varese mi sapreste dire qual’è il vero Padova. Non è che, per caso, a Brescia ci abbiano fatto un regalo? Ma … nonostante tutto continuiamo ancora con: “e la colpa è dell’arbitro, e questo è parente di quello, i ragazzi avevano il sole in faccia,etc. etc. Ma dov’è sto gioco del Padova?”

Maurizio G: “Caro Binda,la seguo spesso,ma sono sconcertato dalla superficialita’ con cui la stampa nazionale ha trattato il caso black out,senza voler  andare a fondo realmente sulla  questione.Per iniziare,non esiste nessun precedente specifico come detto da molti, infatti nessuna partita del passato,si e’ mai conclusa sul campo,ma sono state tutte sospese e non piu’ terminate.Poi basta leggere bene il dispositivo  della sentenza per capire che non sta’ in piedi,di fatto il giudice scrive,”problemi iniziali Enel” e soprattutto ..”la luce e’ ripresa alle 17.13(43′ secondo tempo) e non si’ e’ piu’ spenta”,ma non dice una sola parola sul fatto che  la partita era stata sospesa solo per un accordo tra le societa’,poi disatteso dai granata,altrimenti sarebbe potuta riprendere, per regolamento,dopo l’ interruzione.La squadra ospitante ha 45 minuti per riprestinare il tutto,dopo l’ultimo avvertimento dell’arbitro,altrimenti 0-3 a tavolino.Quindi la storia dell’ operatore non capace conta poco.

Parlare di responsabilita’ oggettiva,in questo caso,e’ veramente ridicolo.Capitolo Valente.Un giudice deve essere terzo e se non lo e’ deve tirarsi fuori dal giudizio.Nella fattispecie era  testimone oculare,visto che era a Padova in tribuna(da cronca giornali) e quindi non poteva giudicare, perche’ di fatto si era fatto un suo pre-concetto,ricordo che questi sono i fondamenti del diritto e nessun presidente di tribunale,potrebbe emettere una sentenza nella duplice veste di giudice e di testimone,l’ultimo degli avvocati otterebbe una ricusazione immediata e il fatto che sia tifoso o simpatizzante  del Toro, per me non significa nulla,anche se poi mi chiedo perche’ non mandino ad arbitrare giacchette nere della stessa citta’.Bastava incaricare un altro giudice e tutti avremmo accettato il verdetto con serenità”

Mirco: “Credo che l’avvocato Paniz abbia tutte le ragioni, non mi è molto simpatico (uno che difende Berlusconi non può essere simpatico…) ma in questo caso il suo ragionamento non fa una piega. Speriamo che Grassani si faccia valere”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy