Computer, hard disk e dieci scatoloni di documenti sequestrati: l’inchiesta sui rapporti tra Padova e Parma è solo agli inizi

Computer, hard disk e dieci scatoloni di documenti sequestrati: l’inchiesta sui rapporti tra Padova e Parma è solo agli inizi

Da Il Mattino:

Vertice, ieri mattina, a Palazzo di Giustizia fra il Pm Benedetto Roberti e gli uomini della Guardia di Finanza che conducono l’indagine sulle possibili commistioni fra Calcio Padova e Calcio Parma. Nulla è trapelato dalla riunione, tesa a fare il punto dopo le perquisizioni compiute dalle Fiamme Gialle giovedì mattina nel la sede della società biancoscudata, allo stadio Euganeo, e nella stanza dell’albergo di Abano dove alloggia l’a.d. Andrea Valentini; a Cellatica (Brescia), dove si trova il gruppo Ormis del presidente Penocchio, negli uffici di Iniziative Euganee, la srl costituita dall’imprenditore lombardo e proprietaria al 100% del Padova; a Carpenedolo (Brescia) nella Carpine, di proprietà dei genitori di Tommaso Ghirardi, patron del Parma; a Collecchio (Parma) nella Sts, che controlla la gestione dello stadio Tardini della città emiliana e il centro sportivo dove si allena la squadra gialloblù. Imponente la quantità di materiale sequestrato: quasi una ventina fra computer e hard disk e una decina di scatoloni contenenti documenti contabili, contratti e consulenze. A questi si sono aggiunte le carte avute ieri mattina dalla Federcalcio, a Roma, e relative a quanto depositato dai due club all’atto di iscrizione nei rispettivi campionati. Il sospetto degli inquirenti è che il legame che unisce Parma e Padova sia molto più di una collaborazione sportiva, peraltro lecita, con consistente scambio di giocatori, e che a tirare le fila sia una sola struttura che, attraverso società collegate, ha in Penocchio e Valentini i propri punti di riferimento […] L’inchiesta è soltanto agli inizi. Il punto nodale è capire dove porterà. In attesa dell’interrogatorio dei due dirigenti, gli uomini del Nucleo di polizia tributaria delle Fiamme Gialle sentiranno, a partire dalla prossima settimana, persone che a vario titolo potrebbero fornire notizie utili sulle modalità di cessione della Spa biancoscudata dalla Unicomm a Penocchio (attraverso la Gsport, concessionaria di pubblicità di Alessandro Giacomini). Ci sarà anche l’ex presidente Marcello Cestaro tra i convocati al Comando provinciale? È possibile, e con lui potrebbero essere chiamati pure il figlio Lorenzo, Walter Pulcini e Sergio Baraldi, tutti e tre delegati a condurre le trattative per la vendita del Padova, conclusa alla fine di giugno 2013

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy