E il Modena pensa a ripartire: Luca Toni al lavoro con alcuni imprenditori tra cui…

E il Modena pensa a ripartire: Luca Toni al lavoro con alcuni imprenditori tra cui…

di Redazione PadovaSport.TV

Mentre il Vicenza affonda, l’altra squadra che ha già alzato bandiera bianca a stagione in corso, il Modena, vuole azzerare tutto e ripartire con il calcio. Probabilmente entro il mese di gennaio, si legge su La Gazzetta dello Sport, il sindaco convocherà tutti quegli imprenditori che hanno manifestato, a parole, di essere disponibili a dare un contributo affinché il Modena torni a vivere. Scottato dalla disastrosa esperienza precedente (spazzato via anche il settore giovanile), il Comune vuole vederci chiaro. Lo stadio Braglia, rimasto chiuso durante l’agonia dei gialloblù (contribuendo ad accelerare la fine della storia), unica certezza dei tifosi rimasti orfani della loro squadra del cuore, dovrà finire in mani sicure. L’unico ad essersi esposto pubblicamente resta Luca Toni, modenese, che sta cercando di radunare le sue truppe (con lui ci sarebbe anche Carmelo Salerno che cercò di prendere la società quando era ancora in vita), imprenditori di spessore, ma soprattutto appassionati, che possano garantire una ripartenza probabilmente dalla Serie D. Un titolo nuovo che la Federcalcio dovrebbe assegnare al sindaco, in qualità di garante, quando sarà ridisegnata la futura stagione.
Oltre a Toni, un noto avvocato della città ha fatto sapere di avere alcuni imprenditori disposti a investire. Si è parlato anche di un interesse da parte dell’ex proprietario Romano Amadei e di Maurizio Setti, patron del Verona (ma mancano conferme alle voci). Oggi il Braglia ospita il Castelvetro di Serie D e la Rosselli Mutina (Eccellenza) i cui proprietari, Galassini e Morselli, ex soci del Modena, hanno già parlato col sindaco manifestando interesse per un progetto più ambizioso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy